Sondrio , 14 febbraio 2017   |  

"Una scelta in comune": il coraggio di donare una nuova vita

A seguito del convegno del 24 Gennaio, le istituzioni scendono in campo per dare attuazione concreta al progetto

manifestodonazione

A seguito del convegno tenutosi presso la sala Consiliare della Provincia del 24 Gennaio scorso, dal titolo “Donazioni di organi e trapianto: Nuove prospettive basate su attuali certezze per una scelta in comune a favore della vita”, il Prefetto di Sondrio dott. Giuseppe Mario Scalia, il Presidente della Provincia dott. Luca Della Bitta, il Vicario Episcopale Don Corrado Necchi, il Presidente dell’Aned dott. Giuseppe Vanacore e il Presidente dell’Aido dott.ssa Flavia Petrin, hanno ritenuto opportuno dare attuazione concreta alla campagna di sensibilizzazione promossa dal Ministero della Salute denominata “Una scelta in Comune”.


In particolare si riposta il testo della lettera a firma congiunta indirizzata al Direttore dell’Ufficio Scolastico dott.ssa Mavina Pietraforte, ai Sindaci della Provincia di Sondrio ed ai Parroci della Provincia – Diocesi di Como.


“Gentili Signori Parroci, Gentile Prof. Mavina Pietrafonte, Egregio Sig. Sindaco, la presente missiva per informarVi circa l’esito dell’iniziativa promossa in data 24.1.2017 dall’Associazione dei malati nefropatici ANED (Associazione Nazionale Emodializzati – Dialisi e Trapianto Onlus) e dall’Associazione AIDO (Associazione Italiana per la Donazione di Organi, Tessuti e Cellule). L’iniziativa pubblica si è svolta a Sondrio ed ha avuto ad oggetto la campagna promossa dal Ministero della Salute denominata “Una scelta in Comune”, che consente ad ogni cittadino, nel momento in cui si reca all’anagrafe per richiedere o rinnovare la Carta d’Identità, di dichiararsi donatore di organi.
Tale scelta consente di sommare il proprio nominativo ai circa 2milioni di persone che hanno già dichiarato in tal senso la propria volontà. In Valtellina hanno aderito alla campagna diverse decine di Comuni. Oltre ai Comuni che sono ancora inattivi, anche in quelli che hanno aderito formalmente in diversi casi si registrano inerzie che non hanno consentito finora il pieno decollo del progetto.
Eppure l’espressione consapevole della volontà di donare, sulla Carta d’Identità, con un “semplice gesto può cambiare una vita”. Siamo convintissimi che la generalità dei cittadini di questa Provincia è potenzialmente concorde con tale obiettivo.
Del resto ne costituisce una prova tangibile il successo ottenuto dal convegno. Vi hanno partecipato i rappresentanti istituzionali della Provincia (Prefetto e Presidente della Provincia) e del mondo medico-scientifico (l’ASST Valtellina e Alto Lario di Sondrio con la partecipazione della dott.ssa Carla Colturi e la Regione Lombardia con il Dott. Giuseppe Piccolo, Coordinatore Regionale per il Prelievo Organi e Tessuti). Numerosi gli esponenti di AIDO e di ANED insieme ad una foltissima presenza di pazienti trapiantati di cuore, fegato e rene.
Tuttavia non bisogna nascondere che su un tema tanto profondo come la donazione di organi, permangono necessità di informazione capillare e confronti culturali, per poter produrre una maggiore consapevolezza, coinvolgendo trasversalmente tutte le generazioni, giovani e anziani; studenti, lavoratori e pensionati; credenti e laici. Per questo motivo ci rivolgiamo a tutti Voi affinché ciascuno, per il ruolo che riveste, possa concorrere fattivamente all’estensione della conoscenza dell’obiettivo ed al pieno successo della campagna “Una scelta in Comune”.

Gli scriventi dichiarano la volontà di mettere a disposizione se stessi e le strutture che rappresentano al servizio dello scopo illustrato. Le Associazioni AIDO e ANED, in particolare, sono pronte a garantire la partecipazione alle iniziative che si intendessero programmare nelle scuole della Provincia, assemblee pubbliche di cittadini o incontri di fedeli con propri volontari: testimoni del valore della donazione e della rinascita che il trapianto consente di realizzare.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

26 Maggio 1986 la Comunità Europea adotta la bandiera europea

Social

newFB newTwitter