Valgerola, 12 luglio 2017   |  

Valgerola: a spasso tra le foreste alpine

Alpi Lombarde in grande evidenza sotto il profilo del turismo ambientale grazie alla iniziativa di Regione Lombardia e del suo ente per l’Agricoltura e le foreste, l’Ersaf.

IMG 20170709 WA0006

"Camminaforeste Lombardia 2017", tour di promozione territoriale delle oasi boschive regionali, ha attraversato la Valtellina. Tra venerdì e sabato scorso i trekker di questa manifestazione itinerante, che visita in successione i più suggestivi luoghi “green” lombardi ha fatto tappa in Valgerola, Sondrio. Nella località, particolarmente vicina alla Brianza e a Milano “Camminaforeste” ha sostato due giorni, una prima giornata è stata venerdì a Rasura, tappa Alpe Legnone-Rifugio Bar Bianco, Alpe Culino.

Nella località in quota i promoter territoriali di Camminaforeste, con funzionari di Ersaf, tecnici agronomi, esponenti del mondo della tutela ambientale e amministratori locali hanno trascorso una serata in cui sono state illustrate le iniziative di running e di podismo alpino di Rasura. Sabato si è arrivati a Gerola alta e al rifugio Salmurano, si è attraversata Pedesina, uno dei Comuni più piccoli d’Italia. Passando per alpeggi e edifici rurali per la lavorazione casearia, la comitiva di eco-trekker ha raggiunto Laveggiolo, pittoresca frazione di Gerola alta, borgo intatto e curato, abbellito dai residenti.

Lì si è tenuto l’incontro con il Comune e la Pro Loco di Gerola Alta, e l’associazione Amici di Laveggiolo ha offerto un aperitivo a base di prodotti locali, servito da uomini e donne in costume tipico valtellinese. Erano presenti tra gli altri il sindaco di Gerola Rosalba Acquistapace, il sindaco di Pedesina Valentino Maxenti, il sindaco di Cosio Valtellino Alan Vaninetti. Con loro il presidente del Parco delle Orobie Valtellinesi Walter Raschetti e il dirigente di Ersaf Lombardia Enrico Calvo. Attraverso pascoli in quota, laghetti alpini e rifugi si è conclusa la camminata di sabato al rifugio Salmurano. 

Per per gli incontri sul tema, «Cultura e territorio» sono stati presentati i libri, “Ai Confini del Cielo” di Cirillo Ruffoni, sull'infanzia dell'autore trascorsa a Gerola alta; “Garef, Storia di un'avventura partecipata” di Luca Ruffoni Scialés, opera dedicata ai resti delle fortificazioni belliche della “Linea Cadorna” nella valle e “Le Memorie del comandante Gek” di Pierfranco Mastalli, raccolta di testimonianze sulla Resistenza in Valtellina e Alto Lario.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

21 Luglio 1927  ad Adenau (Germania) Alfredo Binda vince il 1º Campionato del mondo professionisti di ciclismo. I primi posti sono tutti italiani: seguono Binda Costante Girardengo, Domenico Piemontesi e Gaetano Belloni

Social

newFB newTwitter