Tirano, 21 gennaio 2015   |  

A cinque anni dalla morte verra’ ricordato a Tirano padre Camillo De Piaz

Una lezione di Aldo Bonomi venerdì 30 all’Unitre e una Messa alle 11 di domenica 1 febbraio in basilica

ilgrandecavaliere

Il Grande Cavaliere Padre Camillo De Piaz www.camillodepiaz.it

Sabato 31 gennaio prossimo ricorrerà il quinto anniversario della morte di padre Camillo de Piaz. La ricorrenza sarà ricordata a Tirano venerdì 30 gennaio alle 15 presso la sala del Credito Valtellinese di piazza Marinoni con una lezione aperta al pubblico, programmata dall’UNITRE tiranese (di cui lo scomparso fu socio fondatore e assiduo frequentatore). Sarà l’amico e sociologo di chiara fama Aldo Bonomi a intrattenere studenti e ospiti sul tema “Padre Camillo de Piaz. Dopo cinque anni”. Domenica 1 febbraio alle ore 11, per iniziativa della Rettoria della basilica, una Messa di suffragio sarà celebrata in santuario con la partecipazione di padre Antonio Santini, già superiore della Provincia veneta dei Servi di Maria e referente della locale comunità di Amici dei Servi.

 

Il compianto servita tiranese animò per anni il dibattito religioso e culturale nella Milano del dopoguerra insieme al confratello poeta David Maria Turoldo di cui era considerato la “coscienza critica”. Studenti entrambi all’Università Cattolica avevano partecipato attivamente alla Resistenza ed erano rimasti fedeli ai valori, sia religiosi sia civili, che li avevano ispirati in quella esperienza. Costantemente anticipatori profetici furono entrambi spesso incompresi quando non addirittura ostacolati. Godettero di larga stima presso i cattolici progressisti, nel mondo laico più illuminato e dell’amicizia di più d’uno fra gli esponenti di spicco della attuale gerarchia ecclesiastica. Fra i loro sostenitori ebbero papa Paolo VI che, già da Arcivescovo di Milano, li difese (inutilmente) dal Sant’Uffizio ed ebbero una venerazione per Giovanni XXIII. Il Concilio Ecumenico Vaticano II sembrò aprire loro immediati nuovi orizzonti, ma i tempi della Chiesa non sono quelli che si vorrebbero, anche se alla fine, provvidenzialmente, arrivano dove e come devono. Impegnata e assidua fu anche la loro presenza a Tirano dove padre Camillo viveva partecipando attivamente alla vita religiosa e culturale. Morendo cinque anni fa non ha potuto vedere con noi la straordinaria primavera che sta vivendo la Chiesa di papa Francesco, ma chi gli è stato vicino sa quanto si sarebbe identificato nelle linee di questo pontificato.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Luglio 2002, dopo 50 anni, scade il trattato della Comunità economica carbone e acciaio e questa è inglobata nell'Unione Europea

Social

newFB newTwitter