Colico (Lc), 21 ottobre 2016   |  
Opinioni   |  Cronaca

Limiti a ribasso sulla Statale 36, «i vertici Anas ci prendono in giro»

Paolo Oberti, presidente del Comitato Traforo Mortirolo ora, intervine sul recente provvedimento applicato nel tratto tra Abbadia Lariana e Colico

croppedimage701426 croppedimage701426 lecco abbadia

Secondo Paolo Oberti, presidente del comitato Traforo Mortirolo Ora, i veri motivi che hanno spinto Anas ad abbassare il limite di velocità a 90km/h, in alcuni tratti a 70 km/h, sulla SS36 da Abbadia Lariana a Colico, siano di natura burocratica e strutturale e non per questioni di sicurezza. La strada del Lago è costruita su un versante geologicamente instabile, è un dato appurato, ma Oberti si domanda «ci prendono in giro? allora in tutti gli anni passati la strada non era sicura con i limiti concessi?». Oberti così punta il dito verso i vertici che, sostiene, non vogliono assumersi le proprie responsabilità. «Il Capo Compartimento Anas Ferrara fa riferimento alla mancanza della corsia di emergenza come principale causa dell'abbassamento del limite ma lascia comunque uno spiraglio:  "Per superare tale limite occorreranno interventi di ampio respiro che saranno oggetto di un piano quadriennale di ANAS"  - continua Oberti - ma allora dobbiamo intendere che in un futuro piano quadriennale sarà previsto l’allargamento delle gallerie?».

 

 «La Valtellina è già lontanissima dalla rete autostradale e dai mercati lombardi e le aziende sia di produzione che di servizi, quali il turismo, La Provincia di Sondrio, l’unica interamente montana, ha il diritto di avere una viabilità in linea con i tempi moderni e una via di accesso alternativa alla SS 36 tramite il Traforo del Mortirolo» conclude il presidente del Comitato chiedendo che venga fatta un interrogazione parlamentare per avere i dati ufficiali sia su quanti soldi siano stati spesi in manutenzione, ordinaria e straordinaria, e sui dati riguardanti la chiusura della strada «per lavori che ormai è quasi quotidiana».

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

27 Maggio 1930 lo statunitense Richard Drew inventa il nastro adesivo.

Social

newFB newTwitter