Bormio, 11 agosto 2014   |  

Madonna della neve: allo Stelvio composta e partecipata preghiera di molti fedeli

Celebrata ieri domenica 10 Agosto, la ricorrenza liturgica. Presenti, tra gli altri, la Madre generale dell'Opera don Guanella, Madre Serena Ciserani, e la superiora della Piccola Opera di Traona, sorella Anna Gennai,

MADONNA DELLA NEVE 2014

Il generale di brigata dell' esercito italiano, Antonio Pennino, in un momento della celebrazione eucaristica

Si è svolta ieri, nella chiesetta al Passo dello Stelvio dedicata alla "Madonna della neve", la Santa Messa dedicata proprio alla "Madonna della Neve", Regina della Pace, Custode del Creato".

La celebrazione, organizzata da Pirovano Stelvio e dalla Banca Popolare di Sondrio, ha visto la partecipazione di un numeroso e attento pubblico ed è stata officiata da Padre Cesare Bedognè - Frate Cappuccino e Cappellano Militare del CME Lombardia e della Scuola Militare Teuliè, che ha invitato con decisione a riflettere sul valore della pace e la concordia fra i popoli.

All'evento, voluto anche in ricordo del centenario dell'inizio della "Grande Guerra", ha presenziato il Generale di Brigata Esercito Italiano Antonio Pennino, Comandante CME Lombardia che ha sottolineato con decisione l'importanza dell'Esercito Italiano quale operatore di pace; la preghiera dell'alpino, recitata dal rappresentante degli alpini di Bormio e della provincia di Sondrio, ha oltremodo donato spunti di riflessione.

All'iniziativa hanno preso parte la Madre generale dell'Opera don Guanella, Madre Serena Ciserani, e la superiora della Piccola Opera di Traona, sorella Anna Gennai, che hanno pregato per la pace nel mondo e nei nostri cuori.

Il coro "La Compagnia" di Mese (Valchiavenna) ha regalato ai presenti attimi di intense emozioni e con i suoi canti ha reso ancor più indimenticabile la giornata che si è conclusa con un particolare giro sul pullman Lancia Pentaiota, classe 1927, portato direttamente in quota dalla società Perego autotrasporti, fondata nel 1914.

 

 

 

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Novembre 1969 l'agente della Polizia di Stato, Antonio Annarumma, diventa la prima vittima degli Anni di piombo in Italia.

Social

newFB newTwitter