Sondrio, 16 marzo 2015   |  

Ora sì che Valtellina e Valposchiavo sono unite in vista di Expo

Presentate a Sondrio le due azioni congiunte tra i due territori: Slow Train e Mountain Week. Per il progetto ferroviario riaperto e rifinanziato il bando: ora c'è la possibilità di fare 9 corse totali da Rho a Tirano e ritorno, passando dalla Val Poschiavo e Chiavenna.

IMG5219

da sinistra, Cassiano Luminati, Emanuele Bertolini, Luca Della Bitta

La Valtellina e la Valposchiavo si presenteranno unite agli occhi internazionali in occasione di Expo 2015, è ufficiale. Per questo, i problemi ed i contrasti emersi nelle settimane passate sono lontani e possono oramai dirsi superati. A pochi giorni, meno di due mesi, 46 giorni per la precisione, visto che i cancelli si apriranno l’1 maggio, dall’esposizione internazionale di Milano, i rappresentanti delle istituzioni valtellinesi e valposchiavine coinvolte nella oramai famosa “cabina di regia” si sono presentati alla stampa compatti, per presentare al grande pubblico le due iniziative principale della spedizione: lo Slow Train e la Mountain Week.

«Sono molto soddisfatto di come sta procedendo il progetto “Valtellina for Expo”, all’interno del quale rientrano sia lo Slow Train che la partecipazione alla Mountain Week. Si tratta di due iniziative che ci consentono di completare la pianificazione delle attività, suggellando il rapporto tra Valtellina e Valposchiavo, un rapporto che ha ancora ambiti da esplorare nell’interesse delle nostre imprese, anche al di fuori di Expo e della promozione dell’attrattività territoriale» ha commentato Emanuele Bertolini, presidente della Camera di Commercio di Sondrio.

Sulla stessa lunghezza di pensiero anche Cassiano Luminati, presidente della Regione Valposchiavo: «sono molto soddisfatto che siamo riusciti a trovare la quadratura del cerchio, superando le incomprensioni. Il percorso di avvicinamento dei nostri due territori ad Expo 2015, iniziato con il progetto Valtellina Valposchiavo Expo, e che ha già portato grande visibilità internazionale a Valtellina e Valposchiavo, culminerà ora con due azioni concrete: la partecipazione attiva alla Mountain Week organizzata dalla Convenzione delle Alpi presso i padiglioni nazionali dei paesi alpini e gli Slow Train che partiranno dall’Expo e arriveranno a Tirano». 

«Gli eventi organizzati nell’ambito della Mountain Week saranno l’occasione di illustrare in una prestigiosa cornice istituzionale internazionale vari progetti transfrontalieri e Interreg che toccano i temi della valorizzazione del paesaggio culturale e del patrimonio culturale materiale ed immateriale, della formazione professionale, del turismo declinandoli in chiave Expo 2015. I viaggi gourmet dello Slow Train saranno uno straordinario mezzo di marketing territoriale per presentarsi ad un’audience internazionale, raccontando, sul treno e successivamente sul territorio, il proprio percorso per diventare la prima regione al mondo certificata 100% biologica. La “Valposchiavo Organic Smart Valley” sarà quindi un Fuori-Expo permanente che durerà per tutti i sei mesi» ha concluso Luminati.

Importante quindi sarà, per la promozione dei territori, lo Slow Train, Per questo la “cabina di regia” ha voluto rifinanziare il bando, nella convinzione che possa essere lo strumento giusto di promozione. Dopo la corsa numero 0 del 22 settembre 2014, ora lo Slow Train dovrebbe, proprio in vista di Expo, entrare a regime, grazie al bando di contributi predisposto dalla Camera di Commercio, con il quale sono già state finanziate 3 corse.

Ora, con il rifinanziamento del bando, ci sarà spazio per finanziare fino ad un massimo di altre 6 corse, con una copertura di servizio che potrà teoricamente riguardare ciascuno dei mesi di Expo, mentre le imprese interessate potranno presentare domanda fino al 31 agosto prossimo, grazie alla riapertura dei termini. L’obiettivo dichiarato è dunque quello di arrivare a realizzare complessivamente 9 corse commerciali dello Slow Train, con a bordo turisti paganti.

La prima corsa avverrà il 4 giugno, giorno di apertura per altro della Mountain Week, ma trasporterà solo “viaggiatori su invito”. Gli altri viaggi, invece, avranno biglietti in vendita d un costo di 150 euro cadauno, dove oltre trasporto e le degustazioni di piatti creati da chef stellati Michelin direttamente sul treno, comprende anche il pernottamento in Valtellina o Valposchiavo per una notte. Ogni treno avrà 96 posti. Il rifinanziamento del bando, garantito dalla Provincia, per 37.500 euro, con fondi provenienti dai progetti di eccellenza in ambito turistico, permetterà al progetto complessivo di toccare quota 200.000 euro di risorse stanziate complessivamente.

Per quanto riguarda invece la partecipazione valtellinese e valposchiavina alla Mountain Week, organizzata dalla Convenzione delle Alpi, all’interno dell’area di Expo, dal 4 all’11 giugno, il coordinamento della spedizione sarà affidato alla Società di Sviluppo Locale. Tale iniziativa verrà finanziata, essenzialmente, utilizzando i risparmi di spesa conseguiti sulla realizzazione delle attività affidate alla Società di Sviluppo Locale nel 2014, con fondi messi a disposizione dalla stessa società, insieme a Provincia, Camera di Commercio e Regione Valposchiavo.

«Quello che diamo oggi è un messaggio importante, di collaborazione che va oltre i confini provinciali e nazionali – ha commentato Luca Della Bitta, presidente della Provincia di Sondrio -; questa programmazione congiunta in vista di Expo è un laboratorio di unità e di sintesi. È una collaborazione che speriamo possa proseguire anche dopo questo importante appuntamento, ma che comunque viene da più lontano dopo diverse iniziative congiunte».

«Le iniziative poste in atto sono anche a sostegno degli imprenditori locali, per questo condivise e sostenute dall'Amministrazione Provinciale di Sondrio e dalla Regione Valposchiavo per il tramite fondamentale dalla Camera di commercio di Sondrio e della Società di Sviluppo Locale» ha messo in chiaro Marco Negrini, consigliere provinciale con la delega al Turismo.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

20 Agosto 1968 duecentomila soldati del Patto di Varsavia e 5.000 carri armati, invadono la Cecoslovacchia per porre fine alla Primavera di Praga

Social

newFB newTwitter