16 luglio 2015   |  

Pecore sbranate sopra il lago di Poschiavo, forse è opera di un lupo

Ritrovate a 2000 metri di quota le povere bestie sono state azzannate al collo

WantedPoster

Sei pecore sono state ritrovate sbranate a circa 2000 metri di quota sopra il lago di Poschiavo al confine con la val Fontana. Da quanto riportato da La Provincia di Sondrio, gli esperti affermano si sia trattato di un canide, i segni dei morsi non lascerebbero dubbi, ora resta da stabilire se si sia stata opera di un lupo oppure di uno o più cani. Da una prima indagine si tratterebbe di un lupo, infatti le povere bestie sono state azzannate al collo, modalità di attacco tipica del grande predatore e non dei cani che solitamente attaccano le pecore sul posteriore.

 

La certezza sul colpevole è rimandata agli esiti degli esami di laboratorio su i reperti biologici rinvenuti sul luogo della predazione, il livello di allerta rimane comunque alta, una muta di cani randagi infatti è addirittura più pericolosa di un lupo.

 

La Polizia Provinciale di Sondrio, avvertiti dai colleghi svizzeri, ha effettuato dei controlli nella vicina val Fontana per verificare se il bestiame nel versante italiano abbia subito degli attacchi, per ora non c'è stata alcuna segnalazione quindi è da escludere che gli autori dell'attacco, lupo o cani randagi, siano entrati in territorio nazionale.

 

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Agosto 1419 posa della prima pietra dello Spedale degli Innocenti a Firenze, ritenuto il primo edificio rinascimentale mai costruito

Social

newFB newTwitter