Legnano, 07 gennaio 2023   |  

A Campaccio il grande spettacolo del cross

Torna sul podio l’Italia al Campaccio, come non accadeva da otto anni nel cross di San Giorgio su Legnano (Milano).

campaccio

didascalia: Foto Davide Vaninetti/TrackArena

Torna sul podio l’Italia al Campaccio, come non accadeva da otto anni nel cross di San Giorgio su Legnano (Milano). Il merito è di Yeman Crippa, ottimo terzo dopo aver condotto una gara coraggiosa, all’attacco nel penultimo dei cinque giri e in testa al gruppo fino a poche centinaia di metri dal traguardo.

Comincia con il piede giusto il 2023 dell’azzurro, campione europeo dei 10.000, che entusiasma il pubblico correndo con personalità nella prima tappa dell’anno per il massimo circuito mondiale della specialità, il World Athletics Cross Country Tour Gold.

Appassionante la sfida maschile risolta in volata dal burundese Rodrigue Kwizera, leader dell’edizione numero 66 al termine dei 10 km davanti a Birhanu Balew (Bahrain) praticamente al fotofinish. Poi c’è il trentino delle Fiamme Oro, a cinque secondi, per confermare il suo buon momento di forma superando stavolta l’ugandese Oscar Chelimo (Atl. Casone Noceto) che invece lo aveva battuto a Bolzano nel giorno di San Silvestro.

Era dal 2015 con Andrea Lalli secondo e Daniele Meucci terzo, in quel caso senza africani al via, che un azzurro non finiva nei primi tre. Al femminile Nadia Battocletti (Fiamme Azzurre) è quarta, cogliendo il suo miglior risultato in questa classicissima della campestre dopo una serie di sesti posti. La campionessa europea under 23 in carica, che ha festeggiato il quarto trionfo consecutivo nelle categorie giovanili a livello continentale, rientra in azione per chiudere a sette secondi dal podio. Si impone nei 6 km l’eritrea Rahel Daniel, già seconda l’anno scorso, regolando nel finale la keniana Margaret Chelimo Kipkemboi mentre arriva terza l’altra keniana Mirriam Chebet.

In chiave azzurra da sottolineare anche il settimo posto di Yohanes Chiappinelli (Carabinieri) e l’ottavo del campione italiano Iliass Aouani (Fiamme Azzurre), con gli stessi piazzamenti tra le donne per Ludovica Cavalli (Aeronautica) settima e Giovanna Selva (Carabinieri) ottava. Ad aggiungere i loro nomi all’albo d’oro del Campaccio sono perciò i due atleti, Kwizera e Daniel, vincitori nella scorsa stagione del tour mondiale, firme d’autore per un evento organizzato dall’Unione Sportiva Sangiorgese che alla vigilia ha ricevuto la prestigiosa World Athletics Heritage Plaque.

In chiave valtellinese e valchiavennasca, il Campaccio ha visto al via un bel gruppetto di atleti, che soprattutto nelle categorie giovanili hanno saputo ben figurare. Partiamo dal 2° posto di Giuseppe Tirinzoni (GP Talamona), il 16° di Tommaso Tarca (GS CSI Morbegno), il 22° di Ben Bordoli (GS CSI Morbegno), il 35° di Emanuele Nava (GS CSI Morbegno) nei ragazzi, il 2° posto di Caterina Vavassori (GP Valchivenna) e il 50° di Giorgia Manni (GP Santi) nella categoria ragazze, il 5° di FilippoBertazzini (Pol. Albosaggia), il 19° di Francesco Spinetti (GP Talamona) e il 30° di Mattia Sutti (GS Valgerola) nei cadetti e l’8° di Tabatha Spini (GP Talamona) e il 49° di Silvia Casellato (GP Valchiavenna) nelle cadette, il 22° di Daniele Ciaponi (GP Talamona) e il 26° di Gabriele Sutti (GS Valgerola) negli allievi. Negli junior da citare il 22° posto di Francesco Bongio (GS CSI Morbegno) e il 36° di Gabriele Sutti (GS Valgerola). Nel cross corto maschile debutto con la maglia del CUS Insubria Varese Como dei gemelli Steffanoni di Albosaggia, rispettivamente 7° e 10°, 11° posto per Giovanni Zugnoni (GP Santi), 15° Cristian Menghi (GS Valgerola), 29° Andrea Zoanni (GP Valchiavenna). Nel cross corto femminile 21° Alessandra Succetti (GP Valchiavenna).

Nella gara internazionale femminile di 6 km al via la campionessa di corsa in montagna Alice Gaggi (La Recastello Radici Group) che ha chiuso al 18° posto, Elisa Rovedatti (GS CSI Morbegno), al debutto nella categoria juniores, è 37a assoluta al traguardo e 9a di categoria, mentre Sveva Della Pedrina (GP Valchiavenna) è 46a assoluta e 10a tra le promesse. le gare master 6° posto di Davide Mazzina (GP Santi) nei master 35, 8° Mattia Piganzoli (GS Valgerola), 11° Fabio Sassella (GP Talamona) nella stessa categoria, nei master 45 3° Graziano Zugnoni (GP Santi), 8° Fabrizio Sutti (GS Valgerola), 27° Egidio Gusmeroli (GS CSI Morbegno), 37° Alberto Barona (GP Santi), 45° Enrico Tarchini (GP Santi) nei master 50. Schiacciante vittoria di Roberto Pedroncelli (GP Santi) nei master 55, 7° Riccardo Dusci (2002 Marathon Club), 14° Michele Piombardi (GS Valgerola) e 34° Roberto Toffano (Atl. Alta Valtellina), 13° Sergio De Meo (GP Talamona) e 34° Davide Sansi (GS Valgerola) nei master 60, 7° Salvatore Tarabini (GS CSI Morbegno) nei master 70. Vittoria per Cinzia Cucchi (Castelraider) nelle master 40 e 8° Anissa Cadregari (GS CSI Morbegno) nella stessa categoria, 4° Cinzia Zugnoni (GS CSI Morbegno) nelle master 50, 7° Francesca Duca (GP Talamona) e 17° Gabriella Speziale (GS Valgerola) nella stessa categoria, 5° Lorenza Combi (GP Santi) nelle master 45, 11° Cristina Sutti (GS Valgerola) e 18° Serena Carganico (GS Valgerola) nella stessa categoria, 5° Elisabetta Bortolas (GP Santi) nelle master 40.

 

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

9 Febbraio 1801 Austria e Francia firmano il trattato di Luneville: cessione della Toscana alla Francia

Social

newFB newTwitter