Sondrio , 30 luglio 2019   |  

A Pizzo Scalino in ricordo della Madonna Regina della Pace

Il vescovo Oscar Cantoni al Rifugio della Madonna della Pace per commemorare i cento anni della sua nascita

Madonna della Pace

Domenica 28 luglio si è celebrato il centenario di fondazione della chiesa dedicata alla Madonna Regina della Pace e del Rifugio Cristina all’Alpe Prabello a 2300 mt ai piedi del Pizzo Scalino.

Una manifestazione che si svolge dal 2000 ogni ultima domenica di Luglio, un appuntamento importante che si svolge con il pellegrinaggio portando   a spalla la bellissima statua della Madonna Regina della Pace con inizio dalla località “Sasso” fino alla chiesetta.

La manifestazione è iniziata con la Santa Messa celebrata dal Vescovo di Como Oscar Cantoni con la presenza del Vicario Generale il malenco Renato Lanzetti in seguito è proseguita con il pranzo preparato dal Gruppo Alpini di Caspoggio per terminare con la benedizione delle Targhe commemorative alla Chiesa e al Rifugio Cristina e co l’esibizione del Coro CAI Valmalenco.

La chiesa è dedicata alla Madonna della Pace, sorta come ringraziamento  alla Vergine per la fine della Prima Guerra Mondiale.  Il progetto nasce  su richiesta della popolazione di Caspoggio e realizzata dall' Arciprete Giovanni Gatti.

La costruzione si realizzò con la partecipazione diretta della comunità parrocchiale,  che contribuì con offerte e lavoro prestato gratuitamente alla sua edificazione .

Basti pensare che il materiale necessario alla costruzione fu trasportato da Caspoggio a spalla dai giovani parrocchiani e parrocchiane sul sentiero che da Caspoggio porta all’Alpe Prabello passando da Acquanegra per circa 15 kilometri superando un dislivello di 1200 mt.

Gli alpigiani di Prabello, Campagneda e Acquanegra pensarono agli arredi, ai banchi e al lampadario. Una giornata quella del centenario della Madonna Regina della Pace e del Rifugio Cristina che ha richiamato centinaia di persone in uno scenario di assoluto splendore che avvicina a Dio.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

20 Agosto 1968 duecentomila soldati del Patto di Varsavia e 5.000 carri armati, invadono la Cecoslovacchia per porre fine alla Primavera di Praga

Social

newFB newTwitter