Ponte in Valtellina, 01 maggio 2017   |  
Società   |  Cronaca

A Ponte in Valtellina un Primo Maggio lungo 48 ore

Il tema “Oggi come ieri, partigiani sempre. Festa dei lavoratori” vedrà riuniti nel campo sportivo molti Pontaschi, domenica 30 Aprile e lunedì 1 Maggio. La manifestazione è organizzata dal circolo culturale autogestito “Il Forno”.

Primo maggio Ponte

A Ponte in Valtellina la festa del Primo Maggio – organizzata dal circolo culturale autogestito “Il Forno” con il solerte impegno di E. Sertori – dura non uno, ma due giorni. Quest'anno inizia domenica 30 Aprile e si chiude la sera del giorno dopo, Primo Maggio nello stesso luogo, come da tradione, delle passate edizioni: il campo sportivo.

La prima giornata prevede alle 19 il discorso ufficiale di apertura, continua con la cena alle 20 e termina con musica dal vivo fino a mezzanotte. La seconda giornata, lunedì 1 Maggio, la manifestazione riprende, alle 11.30, con l’aperitivo seguito dal pranzo, al termine del quale si tengono vari concerti e, alle 16, un dibattito su tematiche riguardanti il mondo del lavoro. Poi ancora, fino a tarda sera, musica a “go go”.

Per i Pontaschi (o Trumbin) l’evento , che quest'anno ha per tema “Oggi come ieri, partigiani sempre. Festa dei lavoratori”, ha i veri e propri connotati di una celebrazione in ricordo dei sacrifici di tanti lavoratori che a cavallo dei secoli XIX e XX si batterono per vedere riconosciuti elementari diritti come quello di una riduzione dell'orario di lavoro da 12 a 10/9 ore giornaliere.

Sul piano storico va ricordato che fu la Seconda Internazionale (l’organizzazione in sostegno dei partiti di Sinistra che nel 1889 raccolse socialisti e laburisti di tutta Europa) a proclamare, nell’anno della sua fondazione, la giornata di festa. In Italia, la festività verrà riconosciuta due anni dopo.

Il Primo maggio viene ricordato tramite manifestazioni, sfilate, cortei e quant’altro e deriva dalla cosiddetta “rivolta di Haymarket” che si tenne a Chicago nel 1886. Il 3 maggio di quell’anno, infatti, gli operai della fabbrica McCormik si riunirono in sciopero fuori dai cancelli e qui due di loro vennero uccisi dalla polizia. Il gruppo di anarchici del luogo, allora, decise di organizzare per il giorno successivo una manifestazione nella Haymarket Square che si concluse con lo scoppio di una bomba fabbricata dai protestanti e la reazione della polizia che sparò sulla folla. (Martina Bricalli)

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

24 Giugno 1910 è fondata a Milano la Anonima lombarda fabbrica automobili, ovvero l'Alfa Romeo.

Social

newFB newTwitter