Sondalo , 29 marzo 2020   |  

A Sondalo all'ospedale Morelli raggiunti i 180 ricoveri

Dal 2 marzo sono stati accolti 382 malati covid 19: ieri il dato più alto dei ricoveri, 29 in un giorno, tutti residenti in Valtellina e in Valchiavenna

corona 4930541 640

Dati aggiornati alle ore 10,00 del 29 Marzo, pazienti ricoverati a partire dal 2 Marzo: 382. Pazienti ricoverati attualmente: 180 (di cui 119 uomini e 61 donne); pazienti dimessi: 122 (di cui 70 uomini e 52 donne); pazienti deceduti: 77 (di cui 60 uomini e 17 donne); pazienti trasferiti: 3; tamponi eseguiti: 910 (di cui 450 positivi e 416 negativi, i restanti in attesa di esito)

Nella giornata di ieri si sono registrati sei decessi, cinque uomini e una donne, e 17 dimissioni, a fronte però di 29 nuovi ricoveri, tutti residenti in Valtellina e in Valchiavenna: il dato più alto registrato dall'inizio dell'emergenza.

Lunedì scorso si contavano 259 ricoveri complessivi, oggi siamo a 382: 123 in più. I nuovi positivi al covid 19 sono 31. Il dato che preoccupa è la differenza riscontrata rispetto alla fase iniziale fra le persone che si presentano in pronto soccorso con sintomi: l'80% circa viene ricoverato poiché è già ammalato in maniera seria. Dei 382 ricoverati 130 sono donne, pari al 34% circa del totale, e 252 uomini, il restante 66%: questi ultimi, oltre ad essere più numerosi, muoiono con maggiore frequenza. Fra i ricoverati di sesso femminile a perdere la vita è il 14% circa, fra i maschi si sale al 24%.

≪I dati sono ancora molto preoccupanti - sottolinea il direttore generale Tommaso Saporito -: i 29 nuovi ricoveri e i 31 tamponi positivi certificano il continuo aumento del numero dei contagiati in provincia di Sondrio. La situazione è drammatica: la maggioranza delle persone l'ha capito, ma c'è chi ancora non rispetta le restrizioni e non adotta i comportamenti necessari per evitare il contagio. Va chiarito che tutti siamo a rischio e che l'unica cosa che possiamo fare per proteggere noi stessi, i nostri familiari e la comunità intera è rimanere in casa, limitare le uscite alle reali necessità e, in quel caso, rispettare la distanza di sicurezza≫.

Nel frattempo prosegue il lavoro per l'allestimento degli spazi e il reclutamento di medici, infermieri e operatori sociosanitari per rispondere all'esigenza di accogliere, curare e ospitare i nuovi ammalati e le persone guarite che, per diversi motivi, non possono trascorrere la quarantena presso le loro abitazioni. Al Morelli di giorno in giorno si aggiungono letti nei reparti covid 19 e ci si appresta ad aprire i due piani del padiglione 6 destinati ai pazienti dimessi. Presso il presidio ospedaliero di Chiavenna, l'Azienda ha concentrato tutta l'attività per acuti su un piano, liberando l'altro che è stato messo a disposizione dell'Ats Montagna per ospitare malati covid 19 dimessi dall'Ospedale di Sondalo che saranno seguiti da medici Usca, le Unità speciali di continuità assistenziale.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

2 Giugno 1946 con un referendum istituzionale gli italiani decidono di trasformare l'Italia da monarchia a repubblica (12.717.923 voti contro 10.719.284). Dopo questo referendum il Re d'Italia Umberto II di Savoia lascia il Paese

Social

newFB newTwitter