Sondrio , 14 marzo 2018   |  

A Sondrio: il valtellinese Follini ed il lecchese Panzeri, chi scala e chi sorvola le montagne

Nella serata di mercoledì 21 Marzo, presso il cinema Excelsior di Sondrio si svolgerà l'incontro che avrà come ospiti il noto alpinista e guida alpina lecchese e valtellinese e pilota di elicottero, Maurizio Folini

CroppedImage720439 maurizio folini

Nella serata di mercoledì 21 Marzo, con inizio alle 21, al cinema Excelsior di Sondrio di via Cesare Battisti, si svolgerà  un importante “momento alpinistico & aereo”, dove interverranno il noto alpinista e guida alpina lecchese, Mario Panzeri con al suo attivo i 14 “Ottomila” più alti della Terra,  ed accanto a lui il valtellinese e pilota di elicottero, Maurizio Folini, noto nel mondo “aereo” per avere salvato una vita umana sull’Everest attraverso il “salvataggio” più elevato ad oltre 7000 metri nel Maggio 2013.

L'incontro è organizzato dal convitto nazionale G. Piazzi di Sondrio, in collaborazione con il cinema Excelsior di Sondrio e con il patrocinio della sezione valtellinese di Sondrio del Club Alpino Italiano. Tale iniziativa  rientra nel progetto del convitto nazionale di Sondrio dal titolo: “La nostra Amica Montagna: Segreti & Consigli!”

L'idea nasce dalla constatazione di quanto poco i ragazzi conoscano dell’ambiente circostante e dove abitano e dove si limitano a muoversi  senza riuscire a coglierne le bellezze e le occasioni di sano divertimento. Occorre  fornire queste “occasioni” importanti di incontro, confronto e crescita; ciò vale ancora di più per i ragazzi del convitto nazionale “G. Piazzi” di Sondrio, che provengono nella maggior parte dei casi da zone di montagna, sia valtellinesi che extra - provinciali.

Sulla base di questi presupposti  è stato pensato per tale progetto che potesse aprire gli occhi ai ragazzi, ma che potesse anche servire di sprone agli adulti affinché diventino educatori verso le giovani generazioni.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

10 Dicembre 1927 a Stoccolma la scrittrice Grazia Deledda riceve il Premio Nobel per la letteratura.

Social

newFB newTwitter