Tirano, 24 ottobre 2018   |  

A Tirano: arte, letteratura, cinema e musica per conoscere la Costituzione Italiana

Il 2018 conta il 70° anno dall'entrata in vigore della Costituzione, pietra miliare della nostra Repubblica e .depositaria dei valori su cui si fonda la convivenza civile della società e della democrazia italiana

repubblica

Rileggere o riflettere sulla Costituzione non solo aiuta a riconsiderare il valore di principi fondamentali che molti cittadini oggi danno per scontati, ma contribuisce a risvegliare il nostro interesse come “cittadini attivi” e consapevoli. E se questa rilettura avviene attraverso un linguaggio “artistico” possiamo essere più interessati a rileggerla.

A inizio anno l’Amministrazione comunale di Tirano ha voluto richiamare il ruolo delle donne nella redazione della Carta Costituzionale con la mostra “Libere e Sovrane” apprezzata anche per la forma fruibile della sua comunicazione. Ora, in chiusura dell’anno, a completare il percorso di conoscenza e approfondimento della Costituzione Italiana, presso la Biblioteca Civica Arcari inizia un ciclo di incontri sugli articoli fondamentali della Carta Costituzionale illustrati attraverso il linguaggio delle arti Cinema, Letteratura, Arte e Musica saranno gli strumenti narrativi utilizzati dallo studioso Mattia Agostinali per presentare i primi 12 articoli della Costituzione Italiana.

Durante 12 incontri, della durata di 2 ore ciascuno, a partire da lunedì 5 Novembre (e fino al 11 Febbraio 2019), il corso mette a fuoco i Principî Fondamentali della Costituzione Italiana. Mattia Agostinali,  appassionato cinefilo fin dall'infanzia e dal 2004 docente di numerosi corsi di storia e critica del cinema di sua concezione e destinati a tutte le età, dalla Scuola per l'Infanzia agli adulti, approfondirà in particolar modo gli aspetti legati a storia, multimedialità, crossmedialità, storytelling e pedagogia.

download pdf Programma corso

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Novembre 1969 l'agente della Polizia di Stato, Antonio Annarumma, diventa la prima vittima degli Anni di piombo in Italia.

Social

newFB newTwitter