Sondrio , 22 maggio 2020   |  

Agricoltura 800 milioni di euro di danni al florovivaismo italiano

Assessore in azienda bergamasca che ha assunto lombardi rimasti senza occupazione durante emergenza Covid

WhatsApp Image 2020 05 21 at 15.34.51

Assessore all'agricoltura di Regione Lombardia Fabio Rolfi

«Il florovivaismo italiano ha subito danni per 800 milioni di euro a causa degli effetti del Covid. È un settore che proprio nei mesi di Marzo e Aprile concentra la maggior parte della produzione annuale. Quindi più di altri ha bisogno di interventi veloci da parte dello Stato». Lo conferma l'assessore regionale all'Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi, Fabio Rolfi, che oggi è stato a Bergamo all'azienda florovivaistica insieme al presidente di Coldiretti Bergamo, Alberto Brivio, e alla presidente di Assofloro Lombardia, Nada Forbici.

«Siamo venuti in un'azienda - ha sottolineato l'assessore - che anche in un momento di difficoltà ha deciso di assumere alcuni lavoratori Lombardi rimasti senza occupazione a causa dell'emergenza Covid. L'agricoltura in generale ha bisogno di manodopera e l'impegno della Regione Lombardia è quello di mettere in relazione domanda e offerta". "Con il progetto 'Io lavoro in agricoltura' - ha aggiunto - stiamo raccogliendo centinaia di curricula da segnalare alle associazioni di categoria».

«Il florovivaismo in Lombardia - ha spiegato - conta 7.000 aziende, il 12% del dato nazionale. È un settore dinamico formato da imprenditori che in questi anni più di altri hanno dovuto sostenere investimenti corposi per essere in linea con normative europee spesso troppo stringenti. È una filiera - ha concluso l'assessore - nella quale l'Italia si distingue nel mondo per qualità, biodiversità e varietà di produzione».

Di seguito le imprese florovivaistiche suddivise per provincia:

Bergamo 816
Brescia 930
Como 549
Cremona 120
Lecco 460
Lodi 125
Mantova 418
Milano 1.107
Monza e Brianza 545
Pavia 336
Sondrio 125
Varese 957
Totale Lombardia 7.006 aziende.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

5 Giugno 1921 è il primo giorno scelto con circolare del Comando generale dell'Arma dei Carabinieri (del 7 Aprile dello stesso anno) per celebrare, ogni anno, la propria festa. Il 5 Giugno è la data di concessione della medaglia d'oro all'Arma medesima. In tutta Italia oggi la celebrazione avviene in clima d'austerità in sintonia con la situazione generale del Paese. Ancora una volta i Carabinieri dimostrano l'alto senso di responsabilità che li contraddistingue da 199 anni, giorno della loro fondazione. I Lecchesi, come tutti gli italiani, si stringono con affetto attorno ai loro Carabinieri.

Social

newFB newTwitter