Aprica, 26 febbraio 2019   |  

Aprica uno slalom gigante in ricordo di Ricky Galbiati

La gara di sci è organizzata dall’associazione Il tuo cuore la mia stella e dall’Amministrazione comunale

CS 2019 02 26 gara Aprica

Seconda edizione, domenica 10 Marzo all’Aprica, per la gara di sci in memoria di Riccardo Galbiati, il giovane sciatore deceduto sulle piste della località valtellinese due anni fa dopo aver accusato un malore. A questo secondo appuntamento saranno presenti anche il Gabibbo, celebre icona della trasmissione Striscia la notizia, e Patrizia Caregnato di Studio Aperto.

“Con questa iniziativa Riccardo, attraverso a sua famiglia e i suoi amici, continua ad aiutare gli altri come era nel suo stile: lo scorso anno, con il ricavato delle quote di partecipazione, è stato acquistato un defibrillatore per l’Aprica, cosa che faremo anche quest’anno, destinandolo alla Scuola elementare. Sono lieto che la gara di sci possa essere un modo per ringraziare un paese speciale in cui mio figlio Ricky ha passato tanti momenti felici, in inverno sugli sci e d’estate nelle passeggiate”, commenta il padre, Marco Galbiati.

Il programma della giornata prevede alle 10 la partenza della gara dalla località Magnolta (pista dei Galli) e alle 15.30 ci saranno le premiazioni al Palazzo delle Torri Auditorium (centro congressi). La quota di partecipazione è fissata in 20 euro (e per chi lo desidera ulteriore offerta libera a sostegno dell’Associazione Il tuo cuore la mia stella).

Per le iscrizioni contattare: "Scuola Italiana Sci Aprica – Tel. 0342 745108 – apricasci@gmail.com"

Sono previsti i seguenti trofei:
1° Trofeo Miglior tempo assoluto
1° Trofeo Assoluto Donne
1° Trofeo Tempo Assoluto Maschile a tempi corretti (20 centesimi) oltre il 25° anno di età.

La gara di sci è organizzata dall’associazione Il tuo cuore la mia stella e dall’Amministrazione comunale di Aprica.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

8 Agosto 1956 in Belgio, nella piccola città mineraria di Marcinelle, scoppia un incendio nella miniera di carbone. Moriranno 262 lavoratori di 12 nazionalità diverse, la maggior parte (136 sono italiani)

Social

newFB newTwitter