Aprica, 13 gennaio 2019   |  

Aprica di nuovo sul grande schermo

Massimiliano Ossini e Lino Zani hanno scelto di portare la troupe televisiva della Rai nella località aprichese

IMG 20190113 WA0002

Da martedì 8 a giovedì 10 Gennaio Aprica è stata nuovamente protagonista delle riprese di Linea Bianca  programma  dedicato alla montagna. 

Dopo l’esperienza dell’inverno 2016/17, Massimiliano Ossini e Lino Zani hanno  scelto di portare la troupe nella località aprichese. Sono state girate immagini spettacolari dalla cima del Monte Torena a 2911 metri ma anche nella Riserva Naturale di Pian di Gembro e all’Osservatorio Eco-faunistico Alpino.

I conduttori, affiancati anche da Giulia Capocchi, sono stati in Magnolta con il Soccorso Alpino a simulare un intervento di salvataggio da un impianto di risalita e ovviamente a sciare con i maestri delle scuole sci. 

La trasmissione parla di montagna a 360 gradi, non solo neve e sci ma anche cultura, tradizioni e gastronomia: in contrada S. Maria si è dato vita ad una sorta di rievocazione di arti e mestieri di un tempo, con il Coro Eco di Gambuer a fare da colonna sonora ed Alcide Pancot a raccontare dei suoi murales.

Due gioielli della montagna, entrambi patrimonio UNESCO hanno attirato l’attenzione degli autori dopo uno sguardo ai muretti a secco del fondovalle valtellinese, cornice dei terrazzamenti, recentemente dichiarati patrimonio immateriale dell’umanità, l’ultimo giorno di riprese è stato dedicato al Trenino Rosso del Bernina, che da Tirano porta agli oltre 2200 metri dell’omonimo passo per poi giungere a St. Moritz.

Affiancato dal collega Zani, da lunga data legato ad Aprica, cui tempo fa ha donato l’Alpenstock di Papa Karol Wojtyla, affidato ad Elio Negri ed al suo museo dello sci, giovedì sera Ossini ha presentato ad un folto pubblico il suo libro “Kalipè – lo spirito della montagna”: un racconto intimo sul suo rapporto con la montagna e i suoi insegnamenti. 

La puntata di Linea Bianca sarà trasmessa indicativamente a fine mese.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

24 Aprile 2008 a San Giovanni Rotondo (Foggia), la salma di san Pio da Pietrelcina viene esposta alla venerazione dei fedeli.

Social

newFB newTwitter