Milano , 11 gennaio 2017   |  

Aree interne, al via il percorso di cooperazione per il futuro dell'Oltrepò

Regione intende garantire sinergie e progetti di sviluppo per un territorio coeso

photo

Con la delibera 5799 del novembre scorso la Regione Lombardia ha individuato l'Area Interna Appennino Lombardo-Alto Oltrepò, invitando il territorio a un percorso di co-progettazione, volto a costruire nuove traiettorie di sviluppo e a definire azioni materiali da attuare.  Lo scopo della 'Strategia Aree Interne' è di rivitalizzare quella parte di territorio lontana dai centri di sviluppo, con economia in difficoltà e con dinamiche demografiche caratterizzate da invecchiamento e spopolamento, provando a invertire la rotta, aumentandone l'attrattività, garantendo i servizi essenziali necessari per fermare lo spopolamento, puntando a un'economia costruita sulle peculiarita' del luogo, sull'attivazione delle energie presenti anche se non pienamente espresse sul territorio.


Questa sfida  si può vincere coinvolgendo i Comuni e tutti gli attori del territorio, vero protagonista della 'Strategia', interessati a collaborare per raggiungere un obiettivo così ambizioso: la co-progettazione del futuro dell'area attraverso strategie, progetti e azioni. Sarà fondamentale che questi progetti e servizi che si intende attuare siano strutturati e garantiti nel tempo, instaurando reciproche sinergie tra i Comuni e i portatori d'interessi, compiendo un percorso di associazionismo destinato a efficientare l'articolazione territoriale della pubblica amministrazione.

Grazie alla Strategia verranno messi a disposizione da Regione Lombardia in Oltrepò fino a 19,8 milioni di euro di risorse, per soddisfare appieno le necessità del territorio. Questo progetto avvia un percorso che inaugura una serie di momenti tematici e specifici di partecipazione pubblica. Condividere gli obiettivi è essenziale.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

28 Luglio 1976 la Corte Costituzionale sancisce l'illegalità del monopolio Rai. Inizia così l'epoca delle cosiddette Tv private, che cambierà il panorama mediatico italiano

Social

newFB newTwitter