Sondrio , 09 agosto 2018   |  

Popso, semestrale 2018, bilancio in crescita

Nella seduta del Consiglio di amministrazione dell'Istituto di credito di piazza Garibaldi, svoltosi giovedì 9 Agosto, è stata approvata la relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 Giugno 2018.

Sigg.i Consigliere delegato e Presidente Banca Popolare di Sondrio. FotoPaoloRossi

Da sinistra: Mario Alberto Pedranzini, consigliere delegato e Francesco Venosta, presidente della Banca Popolare di Sondrio (foto Paolo Rossi)

Il Consiglio di amministrazione della Banca Popolare di Sondrio, società cooperativa per azioni, ha esaminato e approvato, oggi giovedì 9 Agosto, la relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 Giugno 2018.

I dati emersi evidenziano: redditività in crescita; volumi in espansione e l'acquisizione di Prestinuova Spa. La relazione integrale è leggibile qui sotto, mentre i dati in sintesi sono i seguenti:

l'utile netto, risultato della sola attività ordinaria, è pari a € 74,2 milioni e registra un incremento del 31,6 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Il risultato sconta 24,9 milioni di costi relativi alle contribuzioni al Fondo di Risoluzione e al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi. 

La raccolta diretta segna € 31.193 milioni, meno 1,4 per cento; i finanziamenti verso clientela sommano € 26.017 milioni, più 1,2 per cento; nuove erogazioni a famiglie e imprese per oltre 1.500 milioni di euro; perfezionata in data 23 Luglio 2018 l'acquisizione totalitaria di PrestiNuova S.p.A; il risparmio gestito ammonta a € 5.603 milioni, con una raccolta netta pari a € 229 milioni; le commissioni nette da servizi € 153,393 milioni si incrementano del 3,4 per cento; le rettifiche nette su crediti e attività finanziarie scendono di oltre il 30 per cento; il costo del credito si posiziona allo 0,70% dallo 0,90% di fine 2017; in incremento, rispetto ai già ragguardevoli valori di fine 2017 e senza significative rettifiche in sede di FTA dell'IFRS 9, il livello di copertura dei non performing loans.

Il grado di copertura delle posizioni a sofferenza passa dal 67,6 per cento al 68,1 per cento e raggiunge il 76,7 per cento se includiamo gli importi passati a conto economico in anni precedenti. Il livello di copertura calcolato sul totale del credito deteriorato passa dal 51,8 per cento al 53,6 per cento. 

In miglioramento pure gli indicatori di incidenza del credito deteriorato, rapportato al totale dei finanziamenti verso clientela. Il cosiddetto NPL (Non performing loans) ratio lordo scende al 14,72 per cento dal 15,07 per cento di fine 2017, mentre quello netto al 7,44 per cento dal 7,93 per cento del periodo di confronto.

 

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

20 Ottobre 2011 Libia: dopo 8 mesi di guerra civile, viene ucciso Mu'ammar Gheddafi.

Social

newFB newTwitter