Sondrio , 04 gennaio 2017   |  

Befana, 4 lombardi su 10 in sovrappeso

Passate le festività scatterà l’ora della dieta

come fare auguri befana 2016 pi divertenti e simpatici con frasi sms video foto cartoline immagini pi belle

Tre milioni di lombardi in sovrappeso o obesi. Passato il pranzo di Natale e il cenone di Capodanno, consumate le ultime porzioni di panettone e cotechino, dopo la Befana scatterà l’ora della dieta visto che negli ultimi dieci anni, spiega un’analisi della Coldiretti regionale su dati Istat, in media ben 4 lombardi adulti su 10 sono risultati in sovrappeso o obesi. L’anno peggiore per la bilancia è stato il 2009 quando la quota di quelli con pancette, “maniglie dell’amore” e “maniglioni anti panico” sul girovita ha sfondato il 42 per cento. L’anno migliore è stato il 2005 con il 37,4 per cento. Nettamente più virtuose le donne fra le quali solo il 28,4 per cento è in sovrappeso contro quasi il 49 per cento degli uomini. Nonostante questo però la vita media dei lombardi si è allungata di circa due anni passando da quasi 81 nel 2005 a poco meno di 83 anni nell’ultimo decennio.


E’ cresciuta la consapevolezza dell’importanza di un’alimentazione di qualità, sana ed equilibrata, con la ricerca di prodotti da mettere in tavola che diano sempre maggiori garanzie di sicurezza e legame con i territori, come quelli che si possono trovare nei punti vendita a chilometro zero che negli ultimi sei anni in Lombardia sono più che triplicati, passando da 257 del 2010 ai 960 attuali. La vendita a km zero è più diffusa nelle province di Pavia (con 165 punti), Brescia (162), Bergamo (133) e Milano (118). A seguire Sondrio (83), Varese (66), Como (56), Cremona (56), Mantova (35), Monza e Brianza (33), Lecco (28), Lodi (25). In particolare – continua la Coldiretti – si registra un vero e proprio boom degli spacci in cascina, passati da 169 a 852 (+400%), mentre i farmers’ market hanno raggiunto quota 100 e vengono scelti per la possibilità di trovare nello stesso luogo più prodotti locali e di stagione, offerti direttamente dall’agricoltore.


In Lombardia più di 9 consumatori 10 che fanno la spesa in un mercato degli agricoltori si ritengono soddisfatti. Inoltre il 97% si dice disposto a ritornare e il 96% lo consiglierebbe ad amici, parenti e conoscenti. “I farmers’ market, spiega Ettore Prandini, Presidente di Coldiretti Lombardia non sono semplici luoghi di ricerca e acquisto di prodotti agroalimentari ma sono diventati anche spazi di aggregazione e cultura con corsi di formazione per l’orto, laboratori didattici per i bambini, esercitazioni con gli agrichef e mattinate con i tutor della spesa”.


L’Italia ha conquistato in pochi anni la leadership mondiale nei mercati contadini davanti agli Usa e Francia con la più vasta rete mondiale di vendita diretta grazie alla Fondazione Campagna Amica alla quale fanno riferimento, oggi, quasi ventimila agricoltori. Per facilitare l’incontro tra produttori e consumatori è nata “Farmersforyou”, l’applicazione di Coldiretti che permette di scegliere i mercati di Campagna Amica, le fattorie, e le botteghe dove poter acquistare il vero Made in Italy agroalimentare, ma anche i ristoranti che offrono menù con prodotti acquistati direttamente dagli agricoltori di Coldiretti.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Luglio 2002, dopo 50 anni, scade il trattato della Comunità economica carbone e acciaio e questa è inglobata nell'Unione Europea

Social

newFB newTwitter