Bormio , 03 febbraio 2020   |  

Bormio da record per il Mondiale Short Track

I nuovi detentori dei limiti juniores portano il nome di Gilli Kim Corea del Sud, nuova primatista sulla distanza dei 1000 metri sempre della Corea del Sud il record sui 3000 metri staffetta maschile mentre al femminile è l’Olanda ad entrare nella list dei record mondiali

Elisa Confortola al finish

I Mondiali di Short Track a Bormio ha prodotto nuovi  detentori dei limiti juniores portano il nome di Gilli Kim Corea del Sud, nuova primatista sulla distanza dei 1000 metri con il crono di 1.27.685. E’ sempre della Corea del Sud il record sui 3000 metri staffetta maschile in 3.55.494 mentre al femminile è l’Olanda ad entrare nella list dei record mondiali con il 4.12.019. Il tutto fanno 5 record in due giorni, mica male per il “white carpet” bormino.

Ultima giornata di gare di questo sensazionale campionato del mondo di Bormio che per ciò che riguarda le distanze individuali ha regalato emozioni grazie a torinese Luca Lim Durrance, bravo ad approdare in finale b della distanza dove, grazie al suo secondo posto, ha chiuso la generale in 7^ piazza. Giornata no per il padrone di casa Luca Spechenhauser incappato in una squalifica dei 1000 metri già in fase di ottavi di finale, mentre il terzo azzurro Thomas Nadalini ha chiuso 22°.

L’atto conclusivo è stato vinto dal cinese Sun Long (1’34″108), argento per il coreano Hyunjun Ahn (1’34″111) e bronzo per il russo Vladimir Balbekov (1’34″647). Al femminile invece Elisa Confortola ha pagato il dazio nel turno di semifinale di incappare non solo nella batteria più ostica delle due in lista, ma anche di battagliare contro tre scatenate che già dal primo metro hanno impresso un ritmo indiavolato tanto da concludere la prova con il nuovo record del mondo siglato dalla coreana Kim. 1.27.685 questo il nuovo record mondiale un secondo abbondante meno del primato precedente appartenuto alla connazionale Seo.

Elisa Confortola approdata quindi nella finale B dove ha chiuso in terza piazza, facendo sua la 9^ pozione finale. La medaglia d’oro è andata al collo della coreana Gilli Kim (1’32″069), che ha preceduto l’americana Corinne Stoddard (1’32″924) e la russa Anna Matveeva (1’33″292). Top trenta e più precisamente 27^ piazza per la bormina Viola De Piazza con l’altra azzurra Chiara Betti sfortunata nella prima tornata di venerdì 31 Gennaio.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

3 Aprile 1896 esce il primo numero della Gazzetta dello Sport, nata dalla fusione de Il ciclista e La tripletta

Social

newFB newTwitter