Bormio, 30 dicembre 2020   |  

Bormio, SuperG vince l'austriaco Mayer

Un grande Paris è quarto a 16 centesimi dall'ennesimo trionfo

f31f3843 f72a 4a22 a404 c448a2533303

L’austriaco Matthias Mayer è riuscito finalmente a domare la Stelvio e ad inserire il suo nome nell’albo d’oro di una discesa tra le più belle e difficili del mondo. Dopo il 2° posto conquistato nel 2018 in SuperG e il 3° conquistato l’anno scorso in discesa, dietro a Paris e a Feuz, Mayer è riuscito a piazzare la zampata vincente grazie ad una gara sensazionale su una Stelvio preparata a puntino dagli organizzatori e che ha dato modo a tutti di esprimersi nel migliore dei modi. Partito col pettorale 13, il trentenne atleta delle “aquile volanti”, uno dei favoriti della vigilia dopo i due terzi posti conquistati nelle due prove cronometrate di sabato e domenica, è piombato sul traguardo in 1’57”32 e ha preceduto di soli 4 centesimi di secondo il compagno di squadra Vincent Kriechmayr e di soli 6 centesimi lo svizzero Urs Kryenbuehl, vicinissimo a centrare la sorpresissima di giornata.

Mayer fantastico ma al quarto posto, staccato di soli 13 centesimi dal vincitore, è arrivato il “re” della Stelvio Dominik Paris che ha sfiorato l’ennesima impresa qui sulla sua pista preferita dimostrando di essere ormai tornato ad altissimi livelli e di essere pronto per ritornare a primeggiare in Coppa del Mondo. Una buonissima notizia per la squadra azzurra. E buone news anche da Christof Innerhofer, 11° a soli 63 centesimi da Mayer, ma anche da Matteo Marsaglia, 15° a 1”20 dal vincitore. La discesa di oggi è stata una delle più combattute di sempre, con i primi 3 all’arrivo racchiusi in soli 6 centesimi, i primi 5 in 28 centesimi e i ben 13 atleti racchiusi in un secondo.

Fuori dal podio anche lo svizzero Mauro Caviezel, quinto a 16 centesimi, Aleksander Aamodt Kilde, sesto a 28 centesimi, e lo statunitense Ryan Cochran Siegle, settimo a 30 centesimi. Il vincitore del SuperG di ieri, senza i due erroracci commessi in cima e nelle battute finali della gara, avrebbe probabilmente centrato la doppietta. La top ten è stata completata dai francesi Matthieu Bailet e Joohan Clarey e dallo svizzero Beat Feuz.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

28 Gennaio 1982 il generale statunitense James Lee Dozier viene liberato da unità dell'antiterrorismo italiano dopo 42 giorni di prigionia nelle mani delle Brigate Rosse

 

Social

newFB newTwitter