Sondrio , 13 ottobre 2017   |  

Caldo: arriva la cimice asiatica

Colpiti soia e frutteti, problemi da Mantova a Varese, da Lodi a Brescia

cimice

È scura, aggressiva e nessuno riesce a fermarla. La cimice asiatica ha preso d’assalto la Lombardia con danni medi fino al 40% dei raccolti su soia e frutteti. È quanto emerge da un monitoraggio di Coldiretti sul territorio regionale: la presenza dell’insetto è segnalata nelle zone di Mantova, Brescia, Sondrio, Varese, Como, Milano e Lodi. Presi di mira le pesche di Monate (Varese), i vivai di Caravate (Varese), i meleti della bassa Valtellina nella zona di Delebio fra Colico e Morbegno, le pere Igp Mantovane, i frutteti di Lomazzo (Como) e la soia. «E’ un disastro, racconta Giacomo Lussignoli, titolare dell’azienda agricola San Lorenzo a Ghedi (Brescia) dove coltiva 10 ettari a soia - non ci sono rimedi e la situazione è destinata a peggiorare. La cimice verde italiana è sempre stata presente sulla soia ma senza far danni. Ora invece con questa cimice straniera di colore scuro, la situazione è ingestibile. Quando arrivano sono migliaia, circondano il campo di soia e dalle fasce esterne iniziano a bucare i baccelli succhiandone il contenuto fino a farlo marcire. Ci sono danni fino al 30 per cento del raccolto».

Si tratta di un insetto particolarmente prolifico con il deposito delle uova almeno due volte all'anno con 300-400 esemplari alla volta. Gli insetti adulti sono in grado di volare per lunghe distanze alla ricerca del cibo e quando arriva il freddo si rifugiano nelle abitazioni o in anfratti riparati per poi attaccare le piante in primavera e in estate, alimentarsi, accoppiarsi e deporre le uova. «La progressiva diffusione di queste specie straniere rende sempre più importante l’opera di monitoraggio e prevenzione. Il problema è che molto spesso questi insetti arrivati da altre zone del mondo non hanno antagonisti naturali ed è quindi molto più difficile combatterli».

Fabio Braguti, florovivaista 40enne di Caravate (Varese), racconta: «E' un disastro. Le cimici attaccano tutto e sembrano impossibili da debellare. Quest'anno ci hanno praticamente spazzato via le produzioni di rose, e di bacche di un particolare tipo di agrifoglio che si usa nel periodo natalizio per decorazione. Oltre a questo, abbiamo avuto grossi problemi anche sulle piante da frutto, come cachi, mele, pere e uva. Pierpaolo Morselli, 43 anni, produttore di pere a Ostiglia (Mantova) conferma: “Quest’anno è anche peggio del 2016. Abbiamo trovato l’insetto ovunque, con danni in media del 30 per cento su soia e frutteti, ma si arriva anche a punte del 70%. Abbiamo provato a mettere le reti anti insetto, ma su terreni estesi diventa complicato. La maggiore presenza l’abbiamo rilevata tra maggio e giugno, non c’è modo di combatterla».

La cimice asiatica, nome scientifico Halyomorpha halys, è un insetto originario di Cina, Giappone e Taiwan. È stato accidentalmente introdotto negli Stati Uniti nel 1998 e dal 2010 è una presenza stabile dei frutteti americani. In Italia il primo esemplare è stato rinvenuto in provincia di Modena nel settembre 2012 e da allora si è rapidamente diffuso nelle altre regioni del Nord Italia. In Lombardia è stato segnalato già dal 2015. La cimice asiatica è un insetto che ha una mascella modificata in grado di perforare meglio piante e frutti, rovinando i raccolti e favorendo anche l’insorgere di patologie della frutta. «Da noi è sbarcata due anni fa - conferma Mariangela Ciampitti del Servizio Fitosanitario Ersaf – i primi ad essere attaccati sono stati i frutteti dell’Emilia Romagna, poi è arrivata anche qui in Lombardia e si è diffusa praticamente ovunque».

Nella zona di Abbiategrasso (Milano), Alessandro Salmoiraghi, di 43 anni, racconta: Sui miei due ettari e mezzo di frutteto ho perso quasi la metà del raccolto. E’ un vero flagello che ci tormenta da un paio d’anni e per il momento non sembrano esserci soluzioni per debellarlo. Io ho anche 4 ettari di soia che raccoglierò tra poco: l’anno scorso per colpa della cimice abbiamo perso il 20 per cento della produzione e quest’anno non so proprio come andrà a finire visto che l’insetto si è ripresentato. In più mi hanno danneggiato anche 4mila metri quadri di ortaggi sotto serra, colpendo in particolare pomodori e peperoni”. A Lodi, Marco Mizzi, che ha avviato proprio quest’anno il suo frutteto, racconta: «Su pesche, ciliegie e susine ho avuto un danno fra il 10 e il 15 per cento, ma è un insetto che attacca un po’ tutte le varietà. E’ un disastro, quando il frutto viene punto si gonfia e si deforma ed è da buttare». Orlando Dal Grande, imprenditore agricolo 50enne di Lomazzo (Como), con 2 ettari di frutteti tra mele, pesche e pere, spiega: «Il danno al mio meleto, causato quest'anno dalla cimice asiatica, è impressionante: ho dovuto buttare via circa il 90 per cento dei frutti, perché deformati o necrotizzati dalle punture di quest'insetto. Ogni cimice, tra l'altro, riesce a pungere il frutto circa una ventina di volte, rendendolo immangiabile. Così, tutte le mele danneggiate le ho potute usare solo come concime».

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

13 Dicembre 1294 papa Celestino V abdica, compiendo il dantesco Gran Rifiuto

Social

newFB newTwitter