Sondrio , 08 gennaio 2018   |  

Campaccio 2018: i migliori i club sondriesi

Prestigiosa manifestazione internazionale di corsa campestre giunta alla 61esima edizione e ben organizzata dall’US Sangiorgese

Cinzia Zugnoni sul podio

Foto: Davide Vaninetti

Il 2018 del cross riparte, come di consueto, con il Campaccio, prestigiosa manifestazione internazionale di corsa campestre giunta alla 61esima edizione e ottimamente organizzata dall’US Sangiorgese. Al di là delle main races, maschile e femminile, trasmesse in mondo visione e appannaggio delle antilopi africane, protagonisti nel fango di San Giorgio su Legnano sono anche i podisti della provincia di Sondrio che non hanno avuto paura di confrontarsi con un parterre di livello internazionale.

Partiamo dalle categorie giovanili dove la minuta Elisa Rovedatti (G.S. CSI Morbegno), classe 2005, ha vinto al fotofinish nella categoria ragazze. Stessa età per Gabriele Sutti (G.S. Valgerola) che nei ragazzi ha conquistato un ottimo 7° posto, seguito a distanza da Jacopo Daniele Ciapponi (G.P. Talamona/13°), Giacomo Ciaponi (G.P. Talamona/21°) e Luca Curioni (G.P. Santi Nuova Olonio/25° e 5° dei nati nel 2006). Nelle cadette la migliore è Greta Contessa (G.P. Santi Nuova Olonio) 7ª, mentre Serena Lazzarelli (G.P. Valchiavenna) è 14ª. Nei cadetti in evidenza Davide Curioni (G.P. Santi Nuova Olonio) che chiude al 7° posto. Nella gara assoluta maschile, vinta dal keniano James Kibet che è riuscito a contenere d’un soffio la prepotente rimonta dell’etiope Tesfaye Deriba, mentre il favorito sulla carta, il naturalizzato americano Paul Chelimo, ha completato il podio, da sottolineare il migliore degli italiani, Yemaneberhan Crippa (G.S. Fiamme Oro Padova) che ha conquistato il 6° posto, mentre i valtellinesi coraggiosi sono stati Carlo Barilani e Fabio Canclini, entrambi del G.P. Santi Nuova Olonio, rispettivamente 52° e 60°.

Negli junior grande gara per il longilineo Cristian Menghi (G.S. Valgerola) che ha chiuso all’8° posto, mentre Belay Jacomelli (U.S. Bormiese) è 17°. Nella gara master maschile dominio di Graziano Zugnoni (G.P. Santi Nuova Olonio) e Fabrizio Sutti (G.S. Valgerola) che precedono tutti e occupano i primi due gradini del podio master 40, da citare anche Mario Buzzella (G.P. Santi Nuova Olonio) 11° nei master 40 ed il compagno di squadra Amos Ruffoni 16° nella stessa categoria. Nei master 50 è ancora festa grande per gli atleti di Adriano Santi, con Roberto Pedroncelli che si porta a casa la vittoria di categoria, mentre il compagno di squadra Oscar Paniga è 7° nei master 45 e Carlo Levi (G.P. Valchiavenna) 13° nella stessa categoria.

Medaglia di legno per Giovanni Piagnataro (G.S. CSI Morbegno) nei master 60 e 9° posto di Sergio De Meo (G.P. Talamona) nei master 55, mentre l’inossidabile Cinzia Zugnoni (G.S. CSI Morbegno) conquista l’argento nelle master 45 e il compagno di squadra Salvatore Tarabini è 3° nei master 60.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

16 Ottobre 1986 Reinhold Messner raggiunge la vetta del Lhotse (Nepal) e diventa il primo uomo ad aver scalato tutte le quattordici vette che superano gli 8000 metri

Social

newFB newTwitter