Trento, 30 dicembre 2016   |  

Capodanno "capovolto" per 70 giovani trentini

Un veglione di San Silvestro alternativo a contatto con gli ultimi

capodanno

Sono settanta (tra cui dieci animatori) i giovani protagonisti, domani 31 dicembre, del “Capodanno Capovolto, dai all’ultimo un nuovo volto”, iniziativa della Diocesi di Trento attraverso Caritas e Pastorale Giovanile.


Un veglione di San Silvestro decisamente alternativo, a contatto con gli “ultimi” nelle strutture di prima accoglienza e di risposta al disagio. In particolare: Sentiero, Bonomelli, Casa Briamasco, Casa Lamar, Casa P. Angelo, La Rete, Unità di Strada.


Prima di vivere il passaggio al nuovo anno accanto agli ospiti, agli operatori e ad altri volontari, i giovani si ritroveranno domani pomeriggio, sabato 31 Dicembre, nel Seminario diocesano di Corso Tre Novembre a Trento. Faranno conoscenza reciproca e vivranno un momento di preparazione comune, in modo giocoso ma anche con la celebrazione della S. Messa, in vista poi della divisione in gruppi e dell’uscita serale “sul campo”. Terminata l’esperienza nelle varie strutture, faranno ritorno in Seminario a notte inoltrata per un breve momento di condivisione finale e di bilancio del loro Capodanno, osservato e soprattutto vissuto da una prospettiva rovesciata.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Novembre 1969 l'agente della Polizia di Stato, Antonio Annarumma, diventa la prima vittima degli Anni di piombo in Italia.

Social

newFB newTwitter