Sondrio , 28 febbraio 2018   |  

Carabinieri: nuovo arresto per l'attentato di Pioltello

Tra gli arrestati un altro componente della famiglia di 'Ndrangheta "Manno"

IMG 20180228 121348793

Ten. Col. Simone Pacioni - Comando Carabinieri Monza

Stamane, mercoledì 28 Febbraio, il Ten. Col. Simone Pacioni, del Comando Provinciale di Monza, nella sala stampa di via Moscova, del Comando Provinciale di Milano, ha esposto i fatti che hanno portato all'arresto da parte dei Carabinieri del Comando Provinciale di Milano dando esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Milano nei confronti di 5 soggetti 4 italiani ed un romeno, ritenuti responsabili a vario titolo di detenzione e porto di materiale esplodente, aggravato dal metodo mafioso, porto e vendita illegale di armi da fuoco, nonché furto con strappo

La misura cautelare giunge a coronamento dell’indagine condotta dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Monza e dalla Compagnia di Cassano D'Adda (Mi), coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Milano, Dott.ssa Ilda Boccassini e Dott. Paolo Storari, ed avviata a seguito dell’atto intimidatorio commesso il 10 Ottobre 2017, quando era stato fatto esplodere un ordigno I.E.D. (Improvised Explosive Device) contenente polvere pirica davanti alla porta di ingresso dell'abitazione di un 46enne ecuadoregno, cagionando ingentissimi danni all’intera palazzina.

Nella circostanza, a seguito della deflagrazione, fu emanata dal Sindaco di Pioltello un'ordinanza di sgombero dello stabile con conseguente evacuazione, tutt'oggi in vigore, di dodici famiglie, per un totale di 27 persone. L’attività investigativa aveva già consentito di trarre in arresto il mandante del fatto criminoso, figlio di una persona già condannata per associazione mafiosa, nonché nipote del capo della “Locale” di ‘ndrangheta di Pioltello, ed eseguire il fermo di indiziato di delitto di ulteriori tre sodali.

A due dei destinatari dell’attuale misura cautelare, in particolare, sono stati contestati la detenzione e il trasporto dell'esplosivo utilizzato per compiere l'attentato dinamitardo, nonché la vendita di una pistola calibro 7,65 con relativo munizionamento al prezzo di 800 euro.

I quattro italiani destinatari della misura sono stati rintracciati e condotti presso gli istituti penitenziari di Opera (Mi) e di San Vittore, mentre proseguono le ricerche dello straniero.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Settembre 1943 Salvo d'Acquisto si offre in cambio della vita di 22 civili rastrellati dai tedeschi per rappresaglia contro un attentato compiuto il giorno prima, viene fucilato a Roma, in località Torrimpietra. Riceverà la Medaglia d'Oro al Valor Militare.

Social

newFB newTwitter