Roma , 14 luglio 2021   |  

Cei la 74a assemblea generale del Consiglio permanente al centro gli immigrati

Dagli auguri a papa Francesco per un pronto ristabilimento al cammino sinodale di una Chiesa con lo sguardo ben puntato sul domani, dalla questione dei migranti e del Mediterraneo alla preparazione del Congresso Eucaristico nazionale.

pope 1248270 640

La 74a assemblea generale del Consiglio permanente che si è svolta di recente ha messo al centro della riflessione un'ampia gamma di argomenti di assoluta rilevanza. I lavori, che si sono svolti in videoconferenza, sono stati aperti dal presidente della Cei cardinale Gualtiero Bassetti che ha rivolto i migliori auguri al Santo Padre per una pronta guarigione. I vescovi hanno sintonizzato i loro contributi di riflessioni e proposta su tre lunghezze d'onda chiare: ascolto, ricerca e proposta. L'appuntamento è stato anche prodromico e preparatorio in vista della sessione autunnale del Consiglio Episcopale Permanente in programma dal 22 al 25 novembre.

"Ci rallegriamo - ha detto Bassetti riferendosi al Santo Padre - per le buone notizie circa la sua salute che continuamente ci giungono, tutte le nostre chiese sono in preghiera per lui, gli auguriamo di riprendere presto e con rinnovata energia il suo ministero petrino". Bassetti ha affidato al Signore anche i medici e il personale snitario che "con passione e amore, si stanno prendendo cura di lei e di tutti i pazienti e gli ammalati".

Non meno carne al fuoco è stata messa per quanto concerne il cammino sinodale. "Si tratta- dice la Cei in una nota - di un percorso che, pur cercando strade nuove, si snoda a partire da sentieri tracciati, con i contributi fondamentali dei Pontefici, da san Paolo VI a Franceso, una ricchezza, questa, che si aggiunge al percorso compiuto dalla Chiesa che è in Italia dal Concllio ecumenico Vaticano II a oggi, scandito dai Convegni nazionali che, con cadenza decennale, hanno fatto il punto della situzione e rilanciato le sfide individuate". Nell'attuale, impegnativo e non facile contesto la Cei individua nel cammino sinodale "un'occasione propizia di rilancio delle comunità oltrechè una voce profetica rispetto alle istanze dell'oggi e del futuro".

Un programma che la Cei ha riassunto nello slogan "annunciare il Vangelo in un tempo di rigenerazione". E questo lungo le tre direttrici "ascolto, ricerca e proposta" che aggiornano, dice la Cei, "quelle del vedere-giudicare- agire".

Tre dimensioni declinabili in altrettanti momenti: "il primo - dice la Cei - narrativo, volto a intercettare, dal basso, le domande di senso e i bisogni emergenti riguardo all'accompagnamento delle famiglie, ai giovani, ai poveri, alla casa comune, ma anche all'annuncio e all'iniziazione cristiana, all'antropologia e al nuovo umanesimo, al ripensamento delle strutture e al rapporto con le istituzioni pubbliche, una seconda fase di discernimento o lettura sapienziale di quanto raccolto e una terza profetica di proposta, per un annuncio più snello, libero, evangelico e umile , come chiesto ripetutamente da papa Francesco". Per i vescovi si rivela determinante armonizzare il cammino sinodale italiano con quello delineato per la sedicesima edizione dell'Assemblea ordinaria del Sinodo dei vescovi "valorizzando il ruolo delle Commissioni episcopali e degli Uffici pastorali così come quello delle Conferenze episcopali regionali". L'attenzione è stata rivolta anche all'incontro sul Mediterraneo che è previsto per i mesi iniziali del 2022 a Firenze, città dell'ex sindaco Giorgio La Pira.

"L'appuntamento - scrive la Cei nella nota- darà continuità al progetto dell'"Incontro di riflessione e spiritualità Mediterraneo frontiera di pace" che si è svolto a Bari dal 19 al 23 febbraio 2020. Questo nuovo evento coinvolgerà le comunità ecclesiali e civili del Mare Nostrum e si svilupperà intorno al tema della cittadinanza è della fraternità". E questo, proseguono i vescovi, nella consapevolezza della funzione centrale del Mediterraneo nelle strategie mondiali e del suo ruolo chiave per il futuro del vecchio continente.

Non è infine mancata l'attenzione alla preparazione del Congresso eucaristico nazionale previsto a Matera tra 22 e 25 settembre 2022. "Entrambi gli eventi - sottolinea la Cei - sono parte integrante del cammino sinodale, il primo come espressione di una Chiesa che si apre e dialoga, il secondo come manifestazione di una Chiesa che trae dall'Eucaristia il proprio paradigma sinodale". La parte finale è stata dedicata alla pubblicazione delle tre istruzioni della Congregazione per l'educazione cattolica sull'affiliazione, aggregazione e incorporazione degli Istituti di studi superiori. (Cri.Com.)

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

17 Settembre 1759 papa Clemente XIII pubblica la Lettera enciclica Cum primum, sulla corruzione dei chierici, contro l'esercizio della mercatura da parte di questi, contro gli impegni servili e laicali e le attività secolari.

Social

newFB newTwitter