Bormio , 12 giugno 2018   |  

Conclusa la Haute Route Stelvio 2018

Successi per il britannico Callum Clarke e per l'emiliana Arianna Marchesini

haute route stelvio 10 giugno 2018 la vincitrice della gara femminile arianna marchesini

Arianna Marchesini

Tre tappe ad alta quota tra Stelvio, Gavia e Mortirolo, trecento concorrenti, ventinove nazioni. Passione e agonismo. È questa la sintesi dell'edizione 2018 di Haute Route Stelvio, andata in scena a Bormio (Sondrio) dall'8 al 10 Giugno. Tre frazioni che hanno portato i concorrenti a pedalare su alcune delle salite che hanno scritto la storia del ciclismo internazionale e che per chi ama pedalare rappresentano allo stesso tempo un sogno e una sfida. Dopo la Bormio – Stelvio (con Umbrail Pass e appunto Stelvio) e la Bormio – Gavia (con Mortirolo e Gavia), la terza e conclusiva tappa proponeva la Bormio – Stelvio, cronometro individuale di 21 chilometri e 1.549 metri di dislivello. Come già nelle prime deu frazioni, a imporsi sono stati il britannico Callum Clarke e l'emiliana Arianna Marchesini.

Clarke ha fermato il cronometro sul tempo di 1h03'59", precedendo il belga Lionel Vujasin di 23"3 e il tedesco Wolfang Voit di 1'54"29. Primo italiano Gherardo Marcolin, sesto a 6'33". Marchesini ha vinto la scalata in rosa con il tempo di 1h30'08", precedendo la svizzera Crystel Matthey di 5'08" e la danese Eva Hansen Synnestvedt di 8'37". 

La classifica generale finale ha visto imporsi Clarke con il tempo complessivo di 7h14'34", davanti al connazionale Rupert Graham e all'olandese Roedi Westrate. Tre italiani nella top ten: 5. Alberto Maffessanti; 6. Gherardo Marcolin; 9. Filippo Fessia. Tra le donne, vittoria per Marchesini su Crystel Matthey e Hansen Synnestvedt.

Il prossimo appuntamento delle Haute Route Series è fissato dal 23al 29 Giugno, negli Stati Uniti, con Haute Route Mavic Rockies, in Colorado. Il prossimo appuntamento in Italia si svolgerà invece dal 21 al 23 Settembre con la Haute Route Dolomites, a Predazzo (Trento).

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

21 Ottobre 1879 Thomas Edison testa la prima lampadina funzionante in modo efficace (resterà accesa per 13 ore e mezza prima di bruciarsi)

Social

newFB newTwitter