Sondrio , 22 dicembre 2017   |  

Consiglio Regionale: percorsi scolastici per Operatori Socio Sanitari (OSS)

Il diploma ‘Servizi Socio Sanitari’ va riconosciuto quale requisito per l’ammissione all’esame di OSS

image 1

«Riconoscere il diploma di Servizi Socio Sanitari come requisito per l’ammissione all’esame di Operatore Socio Sanitario», è questo l’obiettivo dell’ordine del giorno al bilancio regionale, presentato dal consigliere della Lega Nord Silvana Saita, ed approvato giovedì 21 Dicembre al Pirellone. 

«L’ordine del giorno – spiega Silvana Saita – impegna la Giunta ad adoperarsi affinché il percorso scolastico formativo di secondo grado degli istituti professionali con indirizzo “Servizi Socio-Sanitari” venga riconosciuto come sufficientemente preparatorio al fine dell’ammissione all’esame di OSS. Dopo una mozione e due interrogazioni già discusse in consiglio regionale – prosegue Saita - ho ritenuto opportuno presentare anche questo ordine del giorno con l’auspicio che venga trovata una soluzione al problema entro il termine della legislatura».

Il consigliere chiede  che in Lombardia si possa seguire il medesimo percorso già adottato e consolidato in altre Regioni, quali Puglia, Liguria, Toscana o Emilia Romagna, e che i nostri studenti non siano quindi discriminati. In Regione Lombardia  oltre 40 istituti scolastici comprendono, nella propria offerta formativa, l’indirizzo per Servizi Socio-Sanitari.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

24 Aprile 2008 a San Giovanni Rotondo (Foggia), la salma di san Pio da Pietrelcina viene esposta alla venerazione dei fedeli.

Social

newFB newTwitter