Sondrio , 09 gennaio 2018   |  

Consiglio Regionale – Presentata Interrogazione sul Consultorio Tovini di Breno

Garantire le risorse necessarie al Consultorio Tovini, eccellenza per l'intera Valle Camonica

lombvalte1

Presentata, martedì 9 Gennaio, in Consiglio Regionale un’interrogazione a risposta immediata per il sostegno economico alle attività del Consultorio Familiare “G.Tovini” di Breno. Il consigliere regionale del Carroccio Silvana Saita, primo firmatario del testo, commenta: «Ho chiesto all'assessore Gallera, che ringrazio in anticipo certa che saprà trovare i finanziamenti necessari, di sostenere le attività del Consultorio Familiare G. Tovini di Breno che opera come “Centro famiglia” con interventi multidisciplinari secondo le indicazioni della nostra Legge regionale n.18/2014».

“I Consultori familiari”, spiega Saita, «sono un presidio di primaria importanza poiché erogano servizi di accoglienza e sostegno alle persone fragili, attraverso consulenze mediche e psicologiche e diverse altre professionalità; il Consultorio di Breno, che ha partecipato con successo alla sperimentazione Regionale, si occupa della prevenzione delle forme di disagio ed emarginazione, di supporto e consulenza alle famiglie con fragilità, nonché di interventi di mediazione per le coppie in fase di separazione. Eroga inoltre prestazioni di tipo pediatrico, con particolare attenzione alle situazioni di carattere psicologico e sociale dei minori, ostetriche e ginecologiche e offre consulenze di carattere legale».

“La famiglia è una realtà concreta che merita maggiore attenzione dalla Politica. Ritengo fondamentale, anche solo per unprincipio di giustizia, sostenere questo “Centro famiglia” di Breno che ha già erogato nel periodo della sua attività circa 20.000 prestazioni. Sfortunatamente ”aggiunge il consigliere Saita”, nel momento della contrattualizzazione nel 2016, non è stato aumentato il budge come è avvenuto per quelli della Bergamasca. Il Consultorio quest'anno, in mancanza di nuovi fondi, rischia la riduzione dei servizi”.

“Vista l'importanza e la valenza del presidio per l'intera Valle Camonica, ho dunque chiesto lo stanziamento di ulteriori risorse, sulla scorta degli incrementi di budget già riconosciuti ad analoghe strutture”, conclude Saita.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Gennaio 2005 in Somalia,  miliziani musulmani integralisti distruggono completamente il cimitero italiano di Mogadiscio. Dietro il vandalismo probabili interessi edilizi sulla zona.

Social

newFB newTwitter