Sondrio, 28 novembre 2018   |  
Cronaca   |  Turismo

Consorzio turistico di Tirano: rinnovato il Consiglio

di Alberto Comuzzi

Approvato il bilancio (900.000 euro). Qualche riflessione a margine della comunicazione

il trenino giallo ed

Cambio della guardia al Consorzio Turistico Media Valtellina di Tirano che martedì 27 Novembre ha tenuto l'assemblea annuale nel corso della quale sono stati approvati i bilanci consultivo (900.000 euro) e preventivo e rinnovato il direttivo.

Dopo sei anni di presidenza lascia Sergio Mascioni che viene sostituito, per il prossimo triennio, da Marcella Pini, la quale sarà coadiuvata dai consiglieri Laura Branchi, Greta Galanga, Bernardo Corvi e Sandro Della Moretta. Nel precedente consiglio sedevano Gloria Masa, Agnese Bresesti, Domenico Cioccarelli, Cristian Della Marta, Mauro Osmetti e Carlo Toini ai quali Mascioni ha rivolto il proprio ringraziamento formulando, nel contempo, gli auguri di buon lavoro ai nuovi amministratori.

Durante i lavori ha preso la parola il direttore Pierluigi Negri il quale, come da comunicato ufficiale, s'è soffermato «su tre azioni ritenute importanti in quanto conseguenza degli stimoli ricevuti dai Soci in occasione dell’Assemblea 2017, ovvero l’assegnazione della comunicazione a un ufficio stampa nazionale il quale ha prodotto comunicati trasmessi a oltre 2.000 contatti e che ha supportato il Consorzio in occasione di Press Tour che hanno visto la partecipazione di giornalisti e blogger del settore; l’organizzazione di una giornata dedicata all’ analisi dei flussi turisti e alle prospettive future del territorio; l’affidamento alla società ADSolutions di un piano strategico di sviluppo turistico in Media Valtellina che in una prima fase ha coinvolto gli operatori del territorio attraverso la predisposizione di un questionario, l’organizzazione di workshop e interviste».

Non spetta a noi entrare nel merito delle scelte del Consorzio Turistico Media Valtellina di Tirano, ma ci lascia molto perplessi apprendere da un comunicato ufficiale che il suo Direttore si dice soddisfatto, non dai risultati prodotti dalle società di consulenza coinvolte per attirare l'attenzione di potenziali turisti nel territorio (risultati che, ci auguriamo, si sarà preoccupato di documentare ai propri amministratori), ma dal semplice lavoro da queste svolto.

Siamo un Paese davvero curioso. Diciamo di essere strenuamente impegnati a valorizzare il nostro territorio e, invece di appoggiarci a soggetti che il territorio sono in grado di promuovere e valorizzare molto bene perché in esso sono nati e cresciuti, ci affidiamo ad altri che, nel migliore dei casi, in cambio spesso di salate parcelle, applicano quei comuni processi di comunicazione che si possono trovare in qualsiasi manuale di marketing.

Forse che in Valtellina non si trovino qualificati uffici stampa e consulenti in grado di sviluppare campagne di marketing e comunicazione? La redazione di Valtellinanews, che ha davvero a cuore il territorio, si schiera volentieri a fianco dei diversi professionisti valtellinesi della comunicazione con i quali ha quotidianamente rapporti di collaborazione.

Ad accorgersi della loro professionalità dovrebbero essere “in primis” coloro che, nelle istituzioni pubbliche e para-pubbliche, sono preposti a diffondere un'immagine positiva della Valtellina.

Detto brutalmente: i soldi generati nel e dal territorio devono restare nel territorio. Investendo in chi opera nel territorio, soprattutto se dimostra di possedere elevate competenze, ne incrementa il benessere e, di riflesso, la spinta a creare nuova occupazione.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

15 Dicembre 1964 dal poligono di Wallops Island, (in Virginia, Stati Uniti), viene lanciato il primo satellite italiano, il San Marco I

Social

newFB newTwitter