Sondrio , 04 settembre 2017   |  

Consumi: stop a fuga grandi marchi

Si ferma lo shopping straniero nell’ agroalimentare italiano con ben 3 marchi storici su 4 che sono finiti all’estero con la perdita di autonomia e di competitività sui mercati internazionali in uno dei settori strategici del Made in Italy.

Passata di pomodoro

La Coldiretti Lombardia esprime apprezzamento per la nascita del gigante italiano della vera passata Made in Italy con il Consorzio Casalasco del Pomodoro di Rivarolo del Re (Cremona) che, dopo Pomì, ha rilevato anche il marchio De Rica, costituendo la prima filiera italiana nella coltivazione e trasformazione in polpe, passate e concentrati grazie a una produzione di oltre 550.000 tonnellate di pomodoro fresco, raccolte e trasformate esclusivamente in Italia, con esportazioni in 60 Paesi nel mondo.

Con l’operazione che ha portato il Consorzio Casalasco del Pomodoro a rilevare De Rica (che vanta una tradizione di oltre mezzo secolo sulle tavole degli italiani), si inverte la tendenza dell’acquisizione di marchi nazionali da parte di realtà straniere - sottolinea la Coldiretti – infatti resta in Italia direttamente in mano al mondo agricolo cooperativo, con un forte legame col proprio territorio d’origine, una realtà come De Rica che è parte della storia di questo Paese. “La nascita di questa realtà che ha radici lombarde ma si proietta sui mercati nazionali e mondiali, spiega Ettore Prandini, Presidente della Coldiretti Lombardia, è la dimostrazione della forza del nostro sistema agroalimentare quando si impegna sulla qualità e sul vero Made in Italy, senza delocalizzare lavoro e stabilimenti, ma puntando sui territori e sui loro prodotti. Con questa operazione si realizza una svolta nella costruzione di una filiera agricola tutta italiana che vede direttamente protagonisti gli agricoltori in tutti i passaggi della produzione: dal campo alla tavola”.

Il Consorzio Casalasco del Pomodoro, con sede a Rivarolo del Re (Cremona), leader in Italia nella coltivazione, produzione e trasformazione del pomodoro che ha acquistato il marchio De Rica da Generale Conserve S.p.A. conta su 370 aziende agricole associate che coltivano 7.000 ettari di terreno dislocati nella pianura Padana tra le province di Cremona (dove ha sede a Rivarolo del Re), Parma, Piacenza e Mantova con 3 stabilimenti. Il prodotto simbolo della dieta mediterranea è - sottolinea la Coldiretti - il condimento maggiormente acquistato dagli italiani (ogni anno 35 chili a testa di pomodoro in conserva tra passate, polpe, concentrato e pelati), ma anche quello più amato all’estero dove le esportazioni di pomodori conservati e preparati hanno superato 1,5 miliardi di euro nel 2016.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

22 Settembre 1499 con il trattato di Basilea la vecchia Confederazione, che ha dato origine alla Svizzera, diventa uno stato indipendente.

Social

newFB newTwitter