Sondrio , 18 aprile 2017   |  

Contributi eccezionali: settore zootecnico di montagna

Il Centro Assistenza Agricola Coldiretti informa su una serie di contributi eccezionali per gli allevatori che operano in zone montane

69373

Il C.A.A. (Centro Assistenza Agricola) Coldiretti informa che il D.M. 940 del 1 marzo 2017 prevede una serie di contributi eccezionali per il settore zootecnico di cui alcuni specifici per gli allevatori che operano in zone montane.


Con riferimento alla provincia di Sondrio, gli interventi riguardano principalmente il settore del latte e, in misura minore, quello degli ovicaprini e dei suini. Si descrivono, di seguito, gli elementi principali per permettere agli allevatori interessati di accedere alle suddette provvidenze. Per ulteriori dettagli e chiarimenti, gli uffici di zona e provinciale del C.A.A. Coldiretti sono a disposizione.


Zootecnia da latte – allevamenti ubicati in zone di montagna; Aziende ammissibili: tutte quelle che hanno prodotto latte nel 2016 (sia consegne che vendite dirette). Modalità di erogazione del contributo: è assegnato per ogni vacca da latte presente in azienda al 31/7/2016: l’animale deve aver partorito almeno una volta. Entità del contributo: sarà determinato dividendo il plafond nazionale (14 milioni di euro) per il totale del numero di vacche ammissibili (dati ricavati dalla BDN). L’importo così determinato sarà ridotto del 50% nel caso in cui la mandria ecceda i 100 capi; del 75% per allevamenti oltre i 200 capi.


Allevamenti ovicaprini. Aziende ammissibili: tutte quelle che allevano ovicaprini, senza distinzione tra allevamenti ubicati in zone montane e non. Modalità di erogazione del contributo: è assegnato per ogni capra/pecora femmina, di età superiore a quattro anni, macellata nel periodo tra il 15/3/2017 ed il 30/6/2017. Entità del contributo: non potrà essere superiore a 15 euro/capo e sarà determinato dividendo il plafond nazionale di 6 milioni di euro per il totale del bestiame ammissibile.


L’aiuto è limitato al 15% della consistenza del gregge al 31/12/2016. Attenzione: tutti i dati (macellazioni e consistenza) saranno ricavati dalla BDN.


Allevamenti suinicoli. Aziende ammissibili: tutte quelle con animali da riproduzione (scrofe). Modalità di erogazione del contributo: per ogni scrofa che ha terminato la lattazione tra il 15/3/2017 ed il 30/6/2017. Necessario il certificato di un veterinario attestante il rispetto del periodo di lattazione di almeno 28 giorni. Entità del contributo: non superiore a 45 euro/scrofa. Presentazione domande e scadenze sul SIAN (sistema informativo agricolo nazionale). Domanda di aiuto: entro il 2 maggio 2017. Domanda integrativa: entro il 21 luglio 2017

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

30 Aprile 1993 l'Organizzazione europea per la ricerca nucleare (Cern) annuncia che il World Wide Web sarà gratis per tutti.

Social

newFB newTwitter