Sondrio , 20 maggio 2020   |  

Coronavirus, Lombardia semplifica la vita alle imprese

La delibera approvata dalla Giunta impatta sulla vita di 30 mila attività produttive lombarde

coin 2317 640

La Giunta regionale della Lombardia ha approvato, su proposta dell'assessore ad Ambiente e Clima Raffaele Cattaneo, le disposizioni regionali temporanee per la semplificazione e la proroga di taluni adempimenti previsti nelle autorizzazioni ambientali che riguardano le attivita' produttive, a fronte delle misure adottate per gestire l'emergenza epidemiologica da Covid 19.

I provvedimenti riguardano le procedure di tipo amministrativo e gestionale per le imprese soggette ad Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA), autorizzazione Unica Ambientale (AUA), autorizzazione unica per impianti alimentati da Fonti Energetiche Rinnovabili (FER), autorizzazioni settoriali rilasciate in materia di rifiuti, scarichi o emissioni in atmosfera.

Con la delibera approvata, la Giunta adotta misure volte a semplificare o prorogare taluni adempimenti in capo ai Gestori degli impianti produttivi collocati sul territorio della Lombardia, in considerazione delle difficolta' operative causate dalla pandemia e concernenti lo svolgimento di attivita' (autocontrolli, adempimenti e prescrizioni) che necessitano il coinvolgimento di soggetti esterni all'azienda sia al fine di minimizzare i rischi di contagio dovuti all'interazione e mobilitazione del personale esterno alle aziende, sia al fine di non gravare ulteriormente sull'attivita' di aziende gia' condizionate dal punto di vista organizzativo ed economico.

La delibera impatta su 30.000 attivita' produttive soggette ad AIA, AUA, FER, rifiuti collocate in Lombardia e sulle autorita' competenti (Province/Citta' metropolitana e SUAP) interessate dai relativi procedimenti. Tra queste rientrano i settori AIA di acciaierie, fonderie, impianti di produzione di energia; i settori delle PMI (Piccole e Medie Imprese) e attivita' artigianali come ad esempio carrozzerie, falegnamerie, verniciatori, tintorie e anche tutto il settore di gestione di rifiuti e di produzione di energia da fonti rinnovabili FER.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

5 Giugno 1921 è il primo giorno scelto con circolare del Comando generale dell'Arma dei Carabinieri (del 7 Aprile dello stesso anno) per celebrare, ogni anno, la propria festa. Il 5 Giugno è la data di concessione della medaglia d'oro all'Arma medesima. In tutta Italia oggi la celebrazione avviene in clima d'austerità in sintonia con la situazione generale del Paese. Ancora una volta i Carabinieri dimostrano l'alto senso di responsabilità che li contraddistingue da 199 anni, giorno della loro fondazione. I Lecchesi, come tutti gli italiani, si stringono con affetto attorno ai loro Carabinieri.

Social

newFB newTwitter