Sondrio , 06 febbraio 2020   |  

Creval approvati risultati consolidati al 31 Dicembre 2019

Il Consiglio di Amministrazione del Creval ha esaminato e approvato nella tarda serata di ieri mercoledì 5 Febbraio, i risultati consolidati al 31 dicembre 2019 che evidenziano un utile netto pari a 56,2 milioni di euro in crescita del 77%, rispetto ad un utile di 31,7 milioni di euro registrato nell’esercizio 2018.

lovaglio consolidato

Luigi Lovaglio - Amministratore delegato Creval

Nella tarda serata di ieri mercoledì 5 Febbraio, il Consiglio di Amministrazione del Creval ha esaminato e approvato i risultati consolidati al 31 dicembre 2019 che evidenziano un utile netto pari a 56,2 milioni di euro in crescita del 77%, rispetto ad un utile di 31,7 milioni di euro registrato nell’esercizio 2018. 

La banca procede con determinazione verso il raggiungimento degli obiettivi di piano, con importanti risultati già visibili in termini di miglioramento dell'efficienza operativa e del profilo di rischio.

«Il 2019 rappresenta un anno molto importante per il Creval: in 7 mesi dalla presentazione del piano industriale, la banca ha raggiunto ragguardevoli risultati in termini di efficienza e miglioramento del profilo rischio con un forte focus sulla redditività, riuscendo così a conseguire un utile netto in forte crescita rispetto all’anno precedente. Abbiamo registrato un trend positivo dei volumi della clientela retail trimestre dopo trimestre, dimostrando la nostra capacità di crescere nei territori che rappresentano le nostre origini e dove vogliamo continuare a servire famiglie, anche con prodotti di risparmio gestito, e piccole e medie imprese. Stiamo procedendo a pieno ritmo con la riduzione dello stock di NPE e in data odierna abbiamo siglato un accordo vincolante per la cessione di un primo portafoglio di crediti in sofferenza di circa 357 milioni di euro (GBV), senza impatto a conto economico e riducendo l’NPL ratio al 9,4%. La banca sta già dimostrando la capacità di generare capitale virtuosamente, con un CET1 fully loaded che ha raggiunto il 15,5% a fine dicembre, migliorando di oltre 200 punti base rispetto allo scorso anno”, ha dichiarato Luigi Lovaglio, Amministratore Delegato di Creval. Insieme a tutti i colleghi, proseguiamo nell’implementazione del piano con determinazione e disciplina. Confidiamo di essere sulla strada giusta per il raggiungimento degli obiettivi intermedi al 2021, anno nel quale la banca prevede di tornare alla distribuzione del dividendo sulla base dell’utile 2020. Quest’anno è incominciato con una progressione positiva, considerato il perfezionamento della cessione dell’attività di credito su pegno che ha generato una significativa plusvalenza con un importante contributo al risultato netto».

I risultati dell’esercizio 2019 riflettono gli effetti dell’implementazione delle prime azioni del nuovo Piano Industriale 19-23 “Sustainable Growth” (il “Piano”) approvato lo scorso giugno, volte da un lato a migliorare il profilo di rischio della Banca, mantenendo al contempo un’elevata posizione di capitale e dall’altro a porre le basi per un incremento della redditività. Gli interventi posti in essere si sono concentrati sulle priorità strategiche individuate dal Piano, ovvero riduzione dei rischi di credito, ottimizzazione della struttura operativa, razionalizzazione della base costi e rifocalizzazione dell’attività commerciale verso famiglie e PMI (Piccole e medie imprese)

download pdf Creval risultati consolidati al 31 Dicembre 2019

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

30 Marzo 2004 il governo Berlusconi II istituisce il Giorno del Ricordo, in memoria delle vittime delle foibe e dell'esodo degli istriani, fiumani e dalmati

Social

newFB newTwitter