Lecco, 21 marzo 2017   |  

Decluttering: l’arte del buttare via il superfluo

di Rosa Valsecchi

Nulla è impossibile, neppure fare spazio nell’armadio

armadio

Con l’arrivo primavera comincia immancabilmente a farsi sentire la voglia di cambiamento, la voglia di novità. Ma per accogliere quello che ancora non c’è occorre fare spazio, occorre eliminare ciò che c’è ma sarebbe meglio che non ci fosse. Insomma occorre buttare, cestinare, selezionare o, per usare un termine tanto in voga ultimamente, votarsi al “decluttering”, l’arte di eliminare il superfluo.

armadio2Una filosofia vincente in tanti campi della vita che può essere applicata con grande soddisfazione anche all’armadio, che proprio in primavera attraversa una delle sue fasi più delicate: il cambio di stagione. Cogliamo quindi questo momento critico e solitamente fonte di grande stress come un’occasione per fare ordine fra ripiani e cassetti e, di conseguenza, anche nella nostre abitudini quotidiane.

Basta ricerche affannose dell’outfit giusto con cui affrontare la giornata. Dimenticate i minuti inutilmente sprecati rovistando fra capi mai indossati (in qualche caso ancora etichettati!!!) alla ricerca del solito jeans o del pantalone nero preferito, i classici capi “to go”. Ripulire l’armadio tenendo solo ciò che veramente ci piace e indossiamo renderà più facile e veloce la creazione di nuovi look e abbinamenti, facendoci apprezzare veramente quello che abbiamo.

Ma come si raggiunge questo mistico nirvana dell’armadio perfetto? Semplice, basta investire un po’ di tempo e pazienza seguendo alcune regole precise.

1. Aprite le ante dell’armadio (o la porta della cabina per le più fortunate) e ammirate i vostri possedimenti con spirito critico, molto critico.

2. Armatevi di tre buste capienti.

3. Cominciate l’analisi capo per capo ponendovi delle semplici e basilari domande tipo: mi sta bene? È della mia taglia? Posso ancora permettermelo alla mia età (in questo caso la risposta sarà sempre sì, ma provateci comunque)? Quante volte ho indossato questo capo negli ultimi mesi?

Dopo aver risposto a questo rapido questionario mettete il capo in questione in una delle tre buste:
- busta “sarai sempre con me, finchè morte non ci separi”
- busta “pausa di riflessione”
- busta “non so cosa ho visto in te, comunque siamo troppo diversi”

A questo punto riponete nuovamente con cura nel vostro armadio i capi della prima busta, fate una scrupolosa verifica sul contenuto della seconda e buttate, senza alcuna esitazione, la terza busta.

4. Mantenere le promesse fatte. Forti di questo brillante risultato non vorrete rischiare di rovinare tutto permettendo al capo sbagliato di intrufolarsi nuovamente nel vostro armadio? Quindi siate spietate, niente compromessi e vietato accontentarsi, soprattutto quando si fa shopping.

Salva

Salva

Salva

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

11 Dicembre 1991 nasce a Maastricht l'Unione europea

Social

newFB newTwitter