Sondrio , 29 marzo 2021   |  

Al via 89a cross country Cinque Mulini

: a San Vittore Olona (Milano) la Cinque Mulini, seconda tappa del circuito World Athletics Cross Country Permit, propone il proprio 89° capitolo in contesto primaverile e i nomi emersi dalle competizioni giovanile portano una ventata d’aria fresca anche nei difficili tempi del Covid-19.

FrancescoBongio

La classica dell’Unione Sportiva San Vittore Olona 1906 a livello juniores vede il malenco Matteo Bardea (AS Lanzada) nella top ten con il 10° posto in 27’08” al termine di 8,2 km di gara. Nella gara allievi exploit di Federico Bongio (GS CSI Morbegno) che si porta a casa un ottimo 7° posto in 13’44” dopo i 4,2 km del percorso che è entrato nella storia e che vede nel passaggio all’interno del Mulino Meraviglia il tratto più suggestivo. Alle sue spalle bene si difendono i compagni di squadra Francesco Bongio (20°) e Raoul Fumelli (38°). Gara allieve, stessa distanza, Elisa Rovedatti (GS CSI Morbegno) è 17a.

Doppia vittoria per l’Etiopia nelle due gare internazionali assolute, i due successi maturano in modo diverso ma arridono sempre a due grandi protagonisti di sette giorni prima al Campaccio: Nibret Melak, secondo a San Giorgio su Legnano, e Tsehay Gemechu, che conquista così la seconda classica lombarda a distanza di sette giorni. Nella gara femminile di 6,2 km, Alice Gaggi (La Recastello Radici Group) è 12a assoluta e quarta delle italiane, mentre è da sottolineare l’ottima prova di Cristina Molteni (GP Valchiavenna) 18a assoluta e 7 a tra le promesse, mentre la malenca Katia Nana (La Recatestello Radici Group) è 25a assoluta e 10a  tra le promesse e Gaia Bertolina (Atletica Alta Valtellina) è 32a e 12a tra le promesse. Nella gara maschile, unico valtellinese al via Alessandro Crippa (Atletica Alta Valtellina) che ha chiuso i 10,2 km di gara al 45° posto assoluto e 18° tra le promesse.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Aprile 1956 seduta inaugurale della Corte costituzionale italiana

Social

newFB newTwitter