Bolzano, 07 ottobre 2019   |  

Escursionista 51enne si perde nei pressi del Giogo di Tessa

Sudtirolo, allertato il Soccorso Alpino, per un uomo disperso ad una quota di 2800 metri. L'intervento è andato a buon fine.

ee61eaf6 5702 439e aa15 7aa920a89358

Domenica 6 Ottobre, il 51enne germanico P.D. è partito dal Maso Eishof in Val di Fosse e voleva raggiungere la località Oberkaser/Sprons, passando attraverso attraverso la Johannesscharte, il rifugio Cima Fiammante e il Giogo di Tessa. Proprio nei pressi del Giogo di Tessa il turista si è perso ad un'altitudine di circa 2.800 metri e quando non riesce ad andare avanti su terreno molto impervio, chiama sua moglie e le fornisce le coordinate e l’altitudine della sua posizione. 

Verso le ore 19.00 di domenica, la donna avverte la centrale provinciale d’emergenza attraverso il numero unico di emergenza 112 e trasmette tutte le informazioni. Il Soccorso Alpino di Merano (CNSAS e BRD/AVS) è immediatamente allertato. Purtroppo, non è più possibile contattare telefonicamente il paziente. Subito viene organizzato un volo notturno di ricerca con l'elicottero di soccorso Pelikan2, che però deve essere fermato molto presto a causa del maltempo e delle nevicate. Così, nel frattempo, nel buio totale, pioggia e neve, 30 soccorritori alpini da diversi punti (Hochgang, Plan e Nassereith) si dirigono verso il Giogo di Tessa per salvare l’escursionista dalla sua sfortunata e pericolosa situazione. Le ricerche continuano in condizioni estreme per tutta la notte, purtroppo senza esito. 

Grazie ad un miglioramento del tempo alle ore 07.00 del lunedì mattina, un soccorritore alpino con l'elicottero di soccorso Pelikan 1 riesce a partire per un ulteriore tentativo di trovare il turista. Su un’anticima del Giogo di Tessa su 2.960 metri di altezza e in circa 30 cm di neve fresca finalmente viene localizzato il malcapitato; con una verricellata il paziente fortemente ipotermico ma solo lievemente ferito alla mano viene recuperato da una zona molto impervia e pericolosa salvandogli così probabilmente la vita. A Parcines il paziente viene consegnato alla Croce Bianca che lo trasporta all'Ospedale di Merano per ulteriori esami e cure.

I volontari del Soccorso Alpino, che erano in piedi per tutta la notte, sono stati poi portati a valle in tutta sicurezza dall'elicottero di soccorso Pelikan 1 per non doverli esporre ad ulteriori pericoli e sforzi. La direzione dell’intervento è stata svolta dal Soccorso Alpino di Merano. Oltre alle donne e gli uomini del CNSAS + BRD/AVS sono intervenuti il Soccorso Alpino di Lana e di Plan.

 

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

20 Ottobre 2011 Libia: dopo 8 mesi di guerra civile, viene ucciso Mu'ammar Gheddafi.

Social

newFB newTwitter