Sondrio , 09 settembre 2017   |  

Etichettatura: informazione e sicurezza

Uno strumento di grande utilità nell’ottica dell’informazione e della tutela dei prodotti, anche nei confronti di quell’Italian sounding che rappresenta un pericolo per l’economia e per la salute

480219643

Giovedì sera 7 Settembre, alla Fiera Millenaria di Gonzaga l’assessore all’Agricoltura della Lombardia, Gianni Fava, è intervenuto al convegno “Leggimi: l’origine e la trasparenza in etichetta”, organizzato da Coldiretti Mantova.

«Ritengo che la politica sindacale, e su questo punto Coldiretti ha sempre dimostrato le idee chiare e una grande forza, e le istituzioni debbano condividere la battaglia sull’ etichettatura, ha proseguito Fava,  con la consapevolezza che si dovrà discutere non a Milano o Roma, ma a Bruxelles e su un tema così ampio che coinvolge anche i trattati internazionali commerciali».

L’assessore lombardo ha ricordato che il nodo dell’etichettatura della pasta e del riso non è ancora sciolto. «Su questo tema vorremmo chiarezza dal ministro Martina, ha spiegato Fava, perché da quanto è emerso i decreti non sono mai stati notificati all’Unione europea e che, dunque, l’Italia corre il grave rischio di una procedura di infrazione che pagheranno tutti i cittadini, così come altre vittime sono gli agricoltori, che da un atteggiamento simile non potranno avere altro che problemi».

L’assessore Fava ha comunque ribadito la propria volontà a collaborare con Coldiretti, il mondo agricolo, le istituzioni e le forze dell’ordine in platea  era presente il colonnello Andrea Pieroni, comandante della Guardia di Finanza di Mantova per proseguire sul tema dell’etichettatura di origine, “elemento in grado di portare benefici in termini di distintività delle produzioni agroalimentari”.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

20 Novembre 1945 inizia il processo di Norimberga contro 24 criminali di guerra nazisti della seconda guerra mondiale

Social

newFB newTwitter