Milano, 14 marzo 2019   |  

Fabrizio Capobianco, un valtellinese in Silicon Valley

L'Associazione Valtellinesi a Milano, giovedì 14 Marzo, ha organizzato un incontro con chi è definito "un'autorità morale tra gli startupper italiani d'America"

Fabrizio Capobianco

Fabrizio Capobianco

"Un valtellinese in Silicon Valley" è l'incontro proposto giovedì 14 Marzo dall'Associazione Culturale Valtellinesi a Milano che si svolgerà alle ore 18 nella sede di via Palestro del capoluogo meneghino.

Fabrizio Capobianco è stato definito "un'autorità morale tra gli startupper italiani d'America". Nato a Sondrio, laureato in Ingegneria all'Università di Pavia, a soli 23 anni fonda la sua prima startup, Internet Grafiti, che è di fatto la prima web company in Italia.

Dopo averne fondata un'altra, sempre a Pavia, decide di vendere tutto e trasferirsi nella patria dell'innovazione digitale, la Silicon Valley californiana. Lì fonda altre startup avvalendosi sempre del supporto di sviluppatori italiani, considerati più competenti, più creativi, più fedeli e più affidabili. Nel 2017 gli è stato conferita l'onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

21 Marzo 1935 la Persia viene rinominata Iran

Social

newFB newTwitter