Sondrio , 14 settembre 2021   |  

Gdf Sondrio intercetta al confine svizzero 25 mila euro non dichiarati

Militari della Tenenza di Chiavenna a seguito di un controllo valutario in prossimità del confine elvetico hanno fermato un soggetto di nazionalità italiana in possesso di assegni e denaro contante per € 24.870,00 che sono stati sottoposti a sequestro amministrativo

14092021 013653 Comunicato valuta 5

I militari della Tenenza di Chiavenna della Sezione staccata presso il valico doganale di Villa di Chiavenna, lo scorso 8 Settembre, durante un quotidiano controllo operato al di fuori degli spazi doganali, hanno fermato un soggetto di nazionalità italiana a bordo di un’autovettura di lusso proveniente dalla Confederazione elvetica che, alle richieste di rito formulate dai finanzieri, ha dichiarato di non avere valuta al seguito.

A seguito dell’ispezione sono stati invece rinvenuti tra gli effetti personali dell’uomo – siciliano di anni 48, ma residente in Lombardia – due assegni mancanti dell’indicazione del beneficiario e denaro contante per un valore complessivo pari a € 24.870,00.

Il Comando Provinciale di Sondrio, ha ulteriormente incentivato l’attività della Guardia di Finanza sul territorio, finalizzata alla prevenzione e repressione dell’illecito traffico transfrontaliero di valuta nella fascia doganale di confine italo-elvetica.

La normativa valutaria impone l’obbligo per i soggetti che oltrepassano la linea di confine di dover preventivamente dichiarare il transito di valuta eccedente il limite di 10.000 euro. In assenza della prevista dichiarazione, si rischia di dover pagare pesanti sanzioni e, nei casi più gravi, il sequestro amministrativo della somma trasportata in eccedenza ai limiti consentiti.

Il trasgressore ha omesso la presentazione della dichiarazione valutaria tentando di introdurre illecitamente nello Stato la valuta posseduta e si è reso responsabile della violazione amministrativa. I militari  hanno  proceduto al sequestro del denaro contante e dei due assegni per l’intero ammontare rinvenuto, trattandosi di beni “indivisibili”.

Sono in corso ulteriori approfondimenti al fine di verificare la posizione finanziaria e patrimoniale dell'uomo oggetto del controllo.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

17 Settembre 1759 papa Clemente XIII pubblica la Lettera enciclica Cum primum, sulla corruzione dei chierici, contro l'esercizio della mercatura da parte di questi, contro gli impegni servili e laicali e le attività secolari.

Social

newFB newTwitter