Sondrio , 18 dicembre 2017   |  

Gelo sul tettuccio delle auto. Perchè si forma?

Quante volte è capitato di ritrovare al mattino le auto ricoperte da un sottile strato di ghiaccio dopo una notte invernale limpida e serena

0676ad29cea43b19c4d8be7fca31d117

Fonte Immagine: pininterest.com

Riportiamo un articolo che risponde ad una curiosità o meglio ad una domanda che spesso ci siamo posti. Tratta da un articolo estratto dal libro "Meteocuriosità" - Ronca Editore, autori  Andrea Giuliacci- Mario Giuliacci

Quante volte dopo una fredda notte invernale, trovate al primo mattino la vostra auto ricoperta da sottile velo di gelo sul tettuccio e ma anche sui vetri!.Ma se osservate bene, i prati circostanti sono spesso senza ghiaccio come dire che lì la temperatura non è scesa sotto zero.

Come è possibile? Essenzialmente per due motivi. In primo luogo il tettuccio, ma anche i vetri, dell’auto disperdono di notte calore invisibile (infrarosso) nell’ambiente come fanno tutti corpi, ma, avendo due superfici esposte all’aria (quella sopra e quella sotto ), perde ovviamente più calore del resto del suolo circostante. Questo, del resto, è anche il motivo per cui le formazioni di ghiaccio sulle strade sono assai frequenti sulle carreggiate dei ponti sospesi.

In secondo luogo, non tutti i corpi si raffreddano di notte con la medesima rapidità. Quelli che di giorno si riscaldano rapidamente, come le lamiere appunto di un auto, di notte si raffreddano altrettanto rapidamente. Ad esempio, alle ore 11 di una mattinata estiva, un pezzo di ferro esposto al sole scotta già, mentre il vicino pezzo di legno è quasi fresco.

Ma il pezzo di ferro, essendosi riscaldato più velocemente, significa che, a parità di calore solare in arrivo, ha immagazzinano anche meno calore cosicché di notte perde presto quel poco di calore che ha ricevuto di giorno.

I corpi che invece richiedono molto calore per riscaldarsi di 1 °C (Capacità termica) - come, ad esempio, l'acqua - di giorno assorbono una notevole quantità di energia solare - quella stessa che in estate consente di fare il bagno al mare anche di sera - la quale poi però ne impedisce, durante la notte, di raffreddarsi troppo.

 

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Aprile 1956 seduta inaugurale della Corte costituzionale italiana

Social

newFB newTwitter