Sondrio , 10 maggio 2018   |  

Gemellaggio musicale tra Sondrio-São Mateus

L'iniziativa quest'anno vede la collaborazione della Civica Scuola di Musica con un centinaio di allievi, dai piccoli del coro propedeutica vocale e del coro voci bianche, ai ragazzi ed adulti, con gruppi di musica di insieme moderna e con cori.

download 1

Un gemellaggio  culturale e musicale, così come la relazione con le associazioni AddAvventure ed AddAvì ha avviato il Gemellaggio tra fiumi: il valtellinese Adda e il brasiliano Cricaré, richiamato nel calendario 2018, che fornirà il filo conduttore delle rappresentazioni della mattinata di giovedì 10 Maggio.

I ragazzi delle scuole primarie, più di 300, confluiranno in due gruppi verso piazza Garibaldi reggendo teli azzurri a rappresentare i due fiumi, di Sondrio e di São Mateus. Canti, musiche, coreografie e storie saranno imperniati sul tema dell’acqua e dei fiumi, come occasioni di incontro e di condivisione di vita.

La Civica Scuola di Musica animerà la parte musicale del pomeriggio-sera (aperitivo, cena e dopocena): le esibizioni avranno carattere di sperimentazione, con improvvisazioni e brani arrangiati e adattati ad ogni singolo esecutore.

Il tutto sarà, quindi, molto vivo e spontaneo, pur rappresentando la conclusione e la restituzione di un lavoro attento e minuzioso dell’intero anno scolastico, sia per gli allievi della Scuola di Musica, sia per gli alunni delle elementari e medie. Questi ultimi, con l'aiuto dei loro insegnanti, hanno rielaborato creativamente gli spunti offerti dagli incontri con i volontari dell’associazione A dança da Vida.

Le scuole presenti sono le Primarie di primo grado/elementari: Credaro, Quadro, Paini e Racchetti di Sondrio e le Primarie di secondo grado/medie di Ardenno (da anni attivamente ed appassionatamente coinvolta) e Ligari, Sassi, Torelli di Sondrio.

download pdf Locandina evento

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Gennaio 2005 in Somalia,  miliziani musulmani integralisti distruggono completamente il cimitero italiano di Mogadiscio. Dietro il vandalismo probabili interessi edilizi sulla zona.

Social

newFB newTwitter