Sondrio , 23 dicembre 2018   |  

Gli auguri di Papa Francesco al sistema della Protezione civile

L'arrivo di papa Francesco, che come sua consuetudine si è attardato a lungo a salutare i presenti, per poi pronunciare parole di elogio per tutti i volontari, e sottolineare l'importanza dei piani di prevenzione.

protcivile

Sabato 22 Dicembre, a Roma gli auguri del Santo Padre al sistema della Protezione Civile, nell'attesa del Papa, c'è stato anche il tempo per la proiezione di un video sulla nascita, nel 1992, della Protezione Civile nazionale. Poi i discorsi delle autorità. Un lungo applauso ha salutato i Vigili del fuoco, a cui è seguito un bellissimo intervento di don Pietro, cappellano del dipartimento di Protezione civile, che ha elogiato l'impegno dei volontari, sottolineando come il Papa non possa non amarli perché "vivono il Vangelo".

L'Ambasciatore Svezia ha elogiato l'intervento della Protezione civile italiana in Svezia per aiutare a domare gli incendi boschivi. Quindi il capo della Protezione civile Angelo Borrelli, che ha ringraziato tutti i volontari e salutato i loro familiari, soprattutto quelli dei volontari morti nell'espletamento del loro dovere, proponendo infine al presidente del Consiglio l'istituzione della settimana della Protezione civile. Anche Giuseppe Zamberletti, padre dell'attuale sistema di Protezione civile, ha portato il suo saluto.

Ma l'emozione è esplosa per l'arrivo del Santo Padre, che si è attardato come sua consuetudine a salutare tutti i presenti. «Quello della Protezione Civile - ha detto - è un sistema organizzato sulla base del principio di sussidiarietà e per questo rappresenta una peculiarità che potrebbe ispirare altri settori della vita pubblica». L'incontro si è concluso con l'augurio del Papa di celebrare il prossimo Natale con la gioia nel cuore. (Pat -mp)

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

20 Febbraio 1830  Antonio Rosmini, sacerdote e filosofo, fonda l'Istituto della Carità al Sacro Monte di Domodossola.

Social

newFB newTwitter