Sondrio , 15 maggio 2018   |  

Gli inventori lombardi producono mille brevetti europei all’anno

In meccanica e trasporti ma anche in chimica e ambiente

brevetti

Lombardia leader dell’innovazione italiana che arriva in Europa: sono oltre mila le domande di brevetto pubblicate da EPO (European Patent Office), il 30% del totale nazionale, più di uno ogni 10.000 abitanti. Meccanica e trasporti, chimica e ambiente i settori in cui i lombardi brevettano di più e che pesano sul totale italiano rispettivamente il 40 per cento e il 20 per cento. La sola Milano deposita in Europa circa 500 brevetti in un anno.

A seguire Brescia con 122, Bergamo con 81, Monza Brianza e Varese con 61. E se Milano è specializzata nel settore della chimica e dell’ambiente con 520 brevetti in 4 anni, Como lo è nelle altre tecnologie mentre le restanti lombarde preferiscono la meccanica e i trasporti. Emerge da un’elaborazione Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi sugli ultimi dati disponibili al 2015, Osservatorio Unioncamere Brevetti Marchi e Design su dati EPO (European Patent Office) e Ufficio Italiano Brevetti e Marchi.

I brevetti nazionali in dieci anni sono 191 mila in Lombardia, il 28 per cento italiano. Milano e Monza e Brianza con oltre 157 mila di cui 127 mila marchi concentrano l’82,4 per cento del totale lombardo. Arrivano quasi 158 mila se si sommano i 667 di Lodi (di cui 615 marchi). Seguono Brescia con 10 mila (5,3 per cento), Bergamo con 6 mila (3,2 per cento) e Varese con 5 mila (2,7 per cento). Tra le regioni oltre alla Lombardia prima in tutti i tipi di brevetto, spiccano l’Emilia Romagna per invenzioni (15.417), il Lazio per marchi (80.770) e il Veneto per modelli di utilità e disegni (4.521).

Il tema è divenuto di attualità con l’aumentare dell’uso da parte degli imprenditori di website dedicati e pagine social quali veicoli di promozione aziendale e commerciale.

Esistono, tuttavia, delle norme volte a tutelare usi impropri, agganciamenti e in generale comportamenti che possono costituire una violazione dei diritti di privativa. Partendo dai concetti di base ossia, la definizione di marchio e principi applicabili, sarà dedicata una attenzione particolare all’uso dei segni distintivi su internet toccando diverse fattispecie.

Al contempo, per completezza di visione, daremo alcune indicazione sulla registrazione dei domain name e sulla problematica della confondibilità tra "domain name" e eventuali titoli di privativa appartenenti a soggetti diversi.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

16 Luglio 1945 Gli Stati Uniti d'America, con il Progetto Manhattan, fanno esplodere nel deserto del Nuovo Messico la prima bomba atomica

Social

newFB newTwitter