Milano, 27 agosto 2017   |  

Il cardinale Carlo Maria Martini nel cuore dei giovani

di Gabriella Stucchi

È stato definito “Uomo della Parola” non solo per le sue profonde conoscenze bibliche, ma anche per la passione con cui ha diffuso la scuola della Parola.

infophotocarlomariamartini

Ricorre, il prossimo 31 Agosto, il quinto anniversario della morte del card. Carlo Maria Martini, Arcivescovo di Milano dal 2002 al 2012.

È stato definito “Uomo della Parola” non solo per le sue profonde conoscenze bibliche, ma anche per la passione con cui ha diffuso in Diocesi, e soprattutto tra i giovani, l’accostamento alla Parola di Dio. Questo attraverso l’iniziativa “Scuola della Parola”, proposta a partire dal 1980 in Duomo il primo giovedì di ogni mese, che accolse molti consensi, al punto che si estese in altre chiese della diocesi, collegate via radio.

Fondamentale fu il metodo che Martini indicò: lectio-meditatio-oratio-contemplatio-actio. Questo permise ai giovani di acquisire una familiarità con il testo biblico, di riflettere sulle meditazioni offerte dal Cardinale, di valorizzare il tempo del silenzio per analizzare la propria vita e passare alla parte più importante: dare concretezza a quanto suggerito dalla Parola, attraverso scelte significative, anche sulla propria vocazione.

È interessante notare che questo avveniva anche in incontri più ristretti, come durante gli Esercizi spirituali. È indimenticabile il momento della “risonanza”, in cui ci si metteva in cerchio e il Cardinale ascoltava i singoli interventi e rispondeva con ponderazione, dando suggerimenti.

Era poi possibile avere colloqui privati, per un discernimento personale. Per chi l’ha vissuto, restano nel cuore il sorriso accogliente, lo sguardo penetrante, l’ascolto attento e soprattutto, l’intervento del Padre alla conclusione.

Ogni dubbio era sciolto, ogni timore eliminato, ogni paura superata: le parole pacate pronunciate dall’Arcivescovo, sempre con riferimento ai testi biblici accostati nella meditazione, suggerivano il cammino da seguire, con le indicazioni adeguate, i punti di riferimento, la sicurezza del suo accompagnamento nella preghiera.

Esperienze indimenticabili, in cui molti giovani di quella generazione maturarono le loro scelte vocazionali, pieni di gioia, con la volontà precisa di costruire un futuro per sé e per la società, alla luce della Parola, attraverso il dialogo e il confronto.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

22 Novembre 2005  Angela Merkel è il nuovo cancelliere della Repubblica Federale Tedesca, prima donna a ricoprire questa carica in Germania

Social

newFB newTwitter