Sondrio , 09 ottobre 2018   |  

Il Consolato dei Maestri del Lavoro premia gli studenti valtellinesi

Alla Biblioteca Credaro, si è svolta la premiazione dei giovani studenti meritevoli della Provincia di Sondrio da parte del Consolato locale dei Maestri del Lavoro d’Italia. Quest'anno premiati gli studenti provenienti da Bormio, Tirano, Sondrio, Talamona e Cosio Valtellino

mdl4

Si è svolta lunedì 8 Ottobre, presso la Biblioteca Credaro, la premiazione dei giovani studenti meritevoli della Provincia di Sondrio da parte del Consolato locale dei Maestri del Lavoro d’Italia. Il premio, voluto dal convivio, è stato pensato per studenti che terminato la Scuola Primaria hanno appena iniziato il nuovo percorso in Media Inferiore.

Quest’anno le borse di studio si sono concretizzate grazie al sostegno di Fondazione Aem, Fondazione Credito Valtellinese e Biblioteca Credaro - Banca Popolare di Sondrio.

Alla manifestazione presenti il prefetto di Sondrio Giuseppe Mario Scalia, Vincenzo Fiore Credito Valtellinese Vincenzo Fiore, Mario Erba per Banca Popolare di Sondrio, il Direttore Didattico Provinciale Fabio Molinari, Marcella Fratta  Assessore alla cultura, all’educazione e istruzione del Comune di Sondrio e Roberto Corona Console dei Maestri del Lavoro.

Lo scorso anno, in tutta la Lombardia, ben 37285 studenti sono entrati in contatto con i Maestri del Lavoro dei vari consolati provinciali. I premiati, accompagnati dai genitori,   parenti e dai Direttori Didattici.

Elenco studenti premiati:
Martinelli Sara Istituto Comprensivo M. Anzi di Bormio
Del Simone Samuele Istituto Comprensivo di Tirano
Bonetti Matteo Istituto Comprensivo Sondrio ‘’Centro’’
Mazzoni Andrea Istituto Comprensivo di Talamona
Gobbi Luca Istituto Comprensivo Cosio Valtellino

 

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Dicembre 1842, a Fraciscio di Campodolcino (Como),  nasce don Luigi Guanella (morirà a Como il  24 ottobre 1915), riconosciuto santo dalla Chiesa cattolica.  A lui si deve la fondazione delle congregazioni cattoliche dei Servi della Carità e delle Figlie di Santa Maria della Divina Provvidenza.

Social

newFB newTwitter