Morbegno, 12 novembre 2017   |  
Cronaca   |  Cultura

Il dialetto non è morto, per fortuna

A Morbegno una relazione di Luca Paganetti, giovane insegnante valtellinese, ha messo in luce la metamorfosi dell'uso del vernacolo, non più vissuto come lingua dei meno istruiti

scuola 1

Luca Paganetti (al centro), in un momento dell'incontro morbegnese

"Il dialetto sta morendo?” Questa la domanda che ci si è posti alla lezione della scuola permanente per adulti di Morbegno organizzata dall’ associazione culturale “Insieme per conoscere” presieduta da Silvana Tirloni e diretta da Gianpiero Dell’ Oca.

Ad affrontare questa interessante tematica Luca Paganetti, giovane insegnante valtellinese attualmente impegnato in una scuola svizzera.

“ I dati Istat 2012 – ha esordito il relatore – dicono che in tutti gli ambiti, famiglia, tra amici e con gli estranei è in netto calo l’ uso esclusivo del dialetto, mentre è invece in incremento l’ uso esclusivo dell’ italiano.

Il dialetto, però, non sta morendo, ma sta cambiando grazie a quelle che consideriamo come delle risorgenze dialettali.

Il dialetto viene utilizzato per fare pubblicità come esempio di tradizione e genuinità; girando per le strade troviamo anche insegne di bar e di negozi con nomi in dialetto che spesso è anche usato in radio e televisioni locali.

Nessuno, 30 anni fa, si sarebbe aspettato che il dialetto sarebbe stato usato anche nella toponomastica: tanti nostri comuni, Livigno uno dei primi e adesso anche tanti altri, hanno dato i nomi alle loro vie in dialetto.

Il dialetto è entrato poi anche nel mondo della canzone con sempre più cantautori e gruppi rock che propongono canzoni dialettali ed è arrivato anche su internet dove troviamo alcuni blog interamente in dialetto. nei nostri paesi abbiamo anche i dizionari”.

Paganetti ha poi ricordato di avere svolto la sua tesi di laurea incentrata sulla pratica quotidiana del dialetto da parte di un gruppo di giovani delle scuole superiori di Morbegno e Bormio. Dal suo lavoro, una vera e propria indagine, è emerso, come era forse prevedibile, un calo dell’ uso del dialetto nelle loro conversazioni, ma non l'estinzione.

“ In conclusione, il dialetto non sta morendo ma si sta solo riposizionando – ha spiegato il relatore –. Non viene più considerato in negativo come lingua di colui che, come un tempo, non sapeva parlare l’ italiano, ma sta assumendo dei valori positivi: da lingua di comunicazione sta diventando un patrimonio culturale e tradizionale delle nostre regioni. Senza questo cambiamento il dialetto sarebbe inevitabilmente andato perso” (Morris Bertolini)

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

16 Ottobre 1986 Reinhold Messner raggiunge la vetta del Lhotse (Nepal) e diventa il primo uomo ad aver scalato tutte le quattordici vette che superano gli 8000 metri

Social

newFB newTwitter