Morbgeno , 03 maggio 2018   |  

Il Presidio ospedaliero territoriale di Morbegno polo di Medicina dello Sport di Asst ValtLario

Al servizio della popolazione di Bassa Valtellina, Valchiavenna e Medio Alto Lario l’ultradecennale esperienza e organizzazione clinica dello staff del Morelli di Sondalo

074c1d3e5748a13e93678a0b7f8a3209 full

Immagine di repertorio

Si consolida, in Bassa Valtellina, il servizio di Medicina dello Sport di Asst ValtLario. Il servizio, già esistente da tempo a Sondalo, era stato esteso poco più di un anno fa al Pot (Presidio Ospedaliero Territoriale) di Morbegno, con un’offerta di tre ore settimanali. Ora l’attività raddoppia, andando ad interessare l’intera giornata del giovedì, con allestimento del servizio presso l’ambulatorio del Pot di Morbegno, diretto dal dottor Giulio Rossi, responsabile della Medicina dello Sport dell’ospedale Morelli di Sondalo.


Ad affiancare il dottor Rossi sarà lo staff di Medicina dello Sport di Morbegno. Le visite e gli esami saranno effettuati presso l’ambulatorio di Morbegno, attrezzato di tutto punto, dove verranno effettuate non solo le certificazioni per l’attività agonistica, richieste da singoli atleti e squadre, ma anche le consulenze medico-sportive nel loro complesso, comprensive di prestazioni specialistiche di cardiologia dello sport, di traumatologia dello sport e di riabilitazione.

Un auspicio che ha già, peraltro, solide basi, considerato che il primo anno di attività sperimentale su Morbegno ha incontrato il gradimento e l’adesione della popolazione sportiva del posto.

Di qui la volontà di estendere, ulteriormente, la copertura del servizio qualificato di Medicina dello Sport di Asst ValtLario in Bassa Valtellina e territori limitrofi, aumentando significativamente le visite e le prestazioni settimanali. Tutte le persone interessate ad accedere al servizio, quindi, da domani, potranno prenotarsi presso il Cup - Centro unico di prenotazione (800.216.128) e le casse aziendali.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

21 Ottobre 1879 Thomas Edison testa la prima lampadina funzionante in modo efficace (resterà accesa per 13 ore e mezza prima di bruciarsi)

Social

newFB newTwitter