Sondrio, 09 novembre 2017   |  

Il Creval tenta il rimbalzo, come seguire l'evoluzione del titolo

Sul sito di Borsa Italiana non solo le quotazioni ma anche tante altre notizie

schermatacreval

Le azioni del Credito Valtellinese hanno cercato il recupero, soprattutto nella prima parte della mattinata (+3/4%), dopo il mercoledì nero (-29%). Sono percentuali che - occorre ricordarlo - hanno come riferimento prezzi base diversi in discesa e in risalita.

Così come bisogna ricordare che anche l'accorpamento di azioni (di solito da 10 a 1) può determinare un "effetto ottico" che non cambia il valore complessivo dell'investimento. Quindi, per qualsiasi società, un azionista che avesse 100 azioni da 1 euro (totale 100 euro) si ritrova con gli stessi 100 euro anche se il valore unitario viene portato a 10 euro (le azioni possedute nel frattempo si sono però ridotte a 10).

I vertici della banca sono volati questa mattina a Londra per incontrare investitori istituzionali per spiegare l'aumento di capitale collegato al nuovo piano industriale e ottenere un appoggio per l'operazione.  E' uno dei passaggi previsti e che nelle intenzioni dovrebbe favorire una stabilizzazione dopo le forti oscillazioni che creano ansia. Occorrerà quindi qualche giorno per vedere quale valore borsistico verrà assegnato alla banca valtellinese.

L'azionista, o chiunque fosse interessato a seguire le evoluzioni, può seguire via internet ogni passo sul sito ufficiale di Borsa Italiana ( www.borsaitaliana.it/borsa/azioni e digitare Credito Valtellinese ) dove oltre a prezzi, grafici, percentuali si possono trovare documenti obbligatori di trasparenza al mercato. Quindi le valutazioni degli analisti, gli internal dealing (consiglieri di amministrazione o figure di vertice  che hanno comprato o venduto titoli o obbligazioni) e altro materiale utile per aiutare il socio nelle sue scelte consapevoli.

 

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

18 Novembre 2007 a Novara viene beatificato don Antonio Rosmini, autore dell'opera Delle Cinque Piaghe della Santa Chiesa e fondatore dell'Istituto della Carità

Social

newFB newTwitter