Bergamo, 05 ottobre 2017   |  

Il treno a Bergamo arriva in ospedale

Attiva dal 12 Dicembre, prima pietra di un pietra di un progetto più ampio per un servizio quasi metropolitano

papa Giovanni XXIII Bergamo ospedale e1438593549710

Sarà attivata il prossimo 12 Dicembre la nuova fermata del treno Milano-Bergamo via Carnate presso l'ospedale Papa Giovanni XIII. Confermato dall'assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità che ha fatto un sopralluogo ai cantieri insieme all'amministratore delegato di Rfi e al sindaco e al presidente della provincia di Bergamo.

L'assessore ha voluto ricordare che si tratta della prima pietra di un progetto molto più ampio che prevede anche il raddoppio del binario "cosa che potrà cambiare il volto della provincia di Bergamo. Collegare uno dei 5 ospedali più importanti d'Italia con la ferrovia significa dare ai cittadini la possibilità di spostarsi sempre con più facilità. Dunque  una grande opportunità per Bergamo, ma per tutte le persone che hanno a che fare con l'ospedale Papa Giovanni.

Il raddoppio dei binari è già stato finanziato con 70 milioni di euro. La nuova fermata sorgerà tra il rilevato ferroviario esistente e la vasta area dell'ospedale Papa Giovanni XXIII, il più grande tra i nosocomi lombardi, con oltre 900 posti letto. Sarà realizzata secondo gli standard europei previsti per i servizi ferroviari metropolitani rispettando tutte le norme per l'accessibilità, marciapiede lungo 250 metri, alto 55 cm - per facilitare l'entrata e l'uscita dai treni - pensilina d'attesa lunga di circa 70 metri raggiungibile attraverso scale e rampa. La pavimentazione del marciapiede, dotata di percorsi tattili per ipovedenti, sarà poggiata su una struttura reticolare di sostegno in acciaio. Sarà dotata di un sistema di informazioni ai viaggiatori con monitor e annunci sonori. Un percorso ciclopedonale illuminato collegherà il piazzale esterno della fermata con l'ospedale.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

17 Ottobre 1979  Madre Teresa di Calcutta riceve il Premio Nobel per la pace

Social

newFB newTwitter